GIOVEDÌ 13 DICEMBRE 2018
L'iniziativa

A Castellammare campo di Libera, venti volontari nella Casa dell'ambiente a Scanzano

I promotori: "Ragazzi da tutta Italia per costruire un percorso con associazioni e istituzioni"

di redazione
Continuano i campi di impegno di Libera nel ricordo di Carlo Cannavacciuolo e Michele Cavaliere a Castellammare. Per due settimane (dal 11 al 18 e dal 20 al 26 agosto) venti volontari provenienti da tutta Italia parteciperanno a due campi nazionali di impegno e formazione E!stateLiberi!, organizzati dalle associazioni che costituiscono il “Presidio stabiese di Libera”. L’iniziativa avrà sede operativa e di pernottamento presso la Casa dell’ambiente e dell’impegno civile sita in Via Panoramica nel quartiere di Scanzano, bene confiscato alla camorra, affidato tramite bando di evidenza pubblica al “Circolo Legambiente Woodwardia”, associazione capofila del progetto. Ogni giorno, per due settimane, i partecipanti svolgeranno attività di volontariato su tutto il territorio ed incontri con altre associazioni presso altri due beni confiscati: l’Asharam nel quartiere Santa Caterina gestita dall’associazione CPN e presso il Circolo della Legalità di Corso Garibaldi, gestito da “Sos Impresa”. Si legge in una nota: "Le giornate saranno ricche di appuntamenti che si svolgeranno tra Castellammare e Gragnano con tappe anche in penisola Sorrentina. Non è stato stilato un calendario effettivo, infatti sarà tutto in evoluzione e gestito giorno per giorno, a seconda della disponibilità dei volontari che effettueranno gli incontri di formazione, o anche solo a seconda delle condizioni meteo. “Siamo felici di poter accogliere venti persone provenienti da tutto il paese che ci aiuteranno con le attività che noi cerchiamo di svolgere periodicamente ormai dal 2011 in primis valorizzare la bellezza del nostro territorio. I nostri volontari hanno un’età media di 25-27 anni e diventa sempre più difficile portare avanti i progetti a causa della forte emigrazione che coinvolge la nostra generazione, per questo l’apporto di persone che vengono da lontano, per donarci il loro contributo, è un importante strumento di crescita collettiva. Sarà anche occasione per rafforzare la rete di collaborazione con le altre realtà associative del territorio e con le istituzioni. E’ importante anche l’apporto che avremo per la gestione, la pulizia e la manutenzione dei tre beni confiscati che attualmente sono riutilizzati socialmente sul territorio. Gestire un bene confiscato, per un’associazione di volontariato è una bella soddisfazione ma anche un grosso onere economico. Ci teniamo a precisare che i progetti E!stateLiberi! sono finanziati esclusivamente dai contributi liberali dei partecipanti. La casa dell'ambiente è aperta a tutta la cittadinanza ma purtroppo essendo un appartamento sito in un condominio privato non possiamo superare il numero di 18 persone presenti nell'immobile. Pertanto chiunque voglia partecipare alle nostre iniziative, può contattarci preventivamente tramite Facebook , o email circolowoodwardia@hotmail.com” commentano gli organizzatori".
09-08-2018 20:08:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO