MERCOLEDÌ 21 NOVEMBRE 2018
L'iniziativa

A Castellammare torna "Notte di note", al via la kermesse con artisti noti e voci uniche

La rassegna al teatro Karol, Pierluigi Fiorenza: "Collaborazioni con istituzioni". Cimmino: "La cultura è una delle nostre ricchezze"

di Annalibera Di Martino
Tanti volti noti e voci uniche. Sei mesi di spettacoli in cui artisti stabiesi si alterneranno a gruppi che si stanno imponendo sulla scena nazionale come le Ebbanesis. Questa mattina al Teatro Karol di Castellammare di Stabia si è tenuta la conferenza stampa d’apertura di “Notti di note”, la rassegna musicale arrivata alla seconda edizione. Un cast artistico unico per questa nuova stagione che mira ad unire la tradizione, contemplata nella musica classica napoletana, con la sperimentazione, rappresentata da artisti emergenti. Nomi di successo per Castellammare come, tra gli altri, Marina Bruno, Anna Spagnuolo, Salvatore Torregrossa e Sabato Romano. Gli artisti si esibiranno durante eventi previsti fino al mese di aprile, iniziando sabato sera con Alfredo Di Martino con Free Reeds” from Jazz to Tango” fino ad aprile. É intervenuto stamattina anche il sindaco Gaetano Cimmino insieme al vicesindaco Lello Radice, veterano del teatro con tanti anni alle spalle come direttore artistico. Alla presentazione anche don Catello Malafronte regista dell'operazione culturale. "Nessuna competizione tra le diverse istituzioni teatrali - ha sottolineato Pierluigi Fiorenza, moderatore della conferenza - in quanto le date sono strutturate in maniera tale da non andare in contrasto con gli altri eventi previsti dai diversi complessi teatrali del territorio". “Bisogna valorizzare queste realtà, non chiudersi dentro ma confrontarsi sempre con la cittadinanza. - ha detto Cimmino - Quando si parla di cultura si parla di dare vitalità a questa città. Parlare di cultura vuol dire parlare di crescita sociale e bisogna ricordare le cose belle di Castellammare, sappiamo solo raccontare quelle brutte”. Il primo cittadino ha poi parlato dell’importanza della cultura, ma anche della persistenza nel tempo di una stagione che arriva alla sua seconda edizione ed il merito non può che essere dell’organizzazione e della sua capacità di riuscire a proporre ogni anno uno spettacolo sempre più ricco ed esclusivo.
10-10-2018 15:23:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO