MARTEDÌ 23 LUGLIO 2019
La faida

Agguato a Pimonte, spari contro un furgone a poche ore dall'omicidio del re dei narcos

Dopo la morte di Ciro Orazzo scattate perquisizioni anche a Castellammare

di redazione
Agguato a Pimonte, spari contro un furgone a poche ore dall'omicidio del re dei narcos

Hanno sparato di nuovo. La seconda volta in meno di due giorni. Agguato questa mattina a Pimonte. Erano da poco passate le otto quando nel paesino dei Monti Lattari sono risuonati colpi partiti da un fucile da caccia. Nessun ferito, ma ad essere colpito è stato un furgone parcheggiato in strada. Utilizzata l'arma più diffusa nel triangolo tra Casola, Lettere e Pimonte dove sono in molti ad andare a caccia. Un fucile simile a quelli che giovedì sera hanno trivellato Ciro Orazzo, ucciso in auto lungo la strada che porta a Lettere. Un puzzle sempre più complesso per gli inquirenti che ora sono al lavoro per capire se i due episodi siano collegati e che tipo di avvertimento sia quello diretto al destinatario dell'intimidazione a Pimonte. E la piccola cittadina dei Lattari rimpiomba nel terrore ad un settimana dall'aggressione al titolare della pizzera del Sorbo, prima picchiato e poi colpito da un proiettile al polpaccio alle undici di mattina a pochi metri dalla piazza. Ma a preoccupare di più sono le conseguenze innescate dall'omicidio del narcos attirato in una trappola giovedì. Nelle ultime 48 ore molte le perquisizioni fatte scattare dai carabinieri anche a Castellammare a caccia dei colpevoli dell'omicidio del narcos per anni protagonista del traffico di cocaina dal Venezuela. E' nel business della droga la chiave per spiegare quanto sta accadendo tra gli uomini di camorra dai Monti Lattari a Castellammare. 

14-10-2017 19:29:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO