LUNEDÌ 23 SETTEMBRE 2019
Castellammare

Arsenale scoperto a Moscarella dopo il doppio agguato nel centro antico: sequestrati due kalashnikov e cinque pistole

Feriti, ieri pomeriggio, il fratello del boss e di un pusher. Armi a Roma per accertare se sono state usate

di redazione
Arsenale scoperto a Moscarella dopo il doppio agguato nel centro antico: sequestrati due kalashnikov e cinque pistole

Doppio agguato nel centro antico ieri pomeriggio e a distanza di qualche ora i carabinieri ritrovano un arsenale a Moscarella. Due quartieri sotto il dominio dei clan. Due kalashnikov, 7 pistole, caricatori, oltre 500 cartucce, passamontagna e 8 etti di hashish: è quanto i militari, diretti dal maggiore Donato Pontassuglia, hanno scoperto a Castellammare, in un rudere nascosto dalla vegetazione che si trova nel rione Moscarella. Ora gli inquirenti stanno accertando se le armi siano state usate da poco e possano essere collegate al doppio agguato nei confronti di Michele De Luca, fratello del boss Vaccarella e del pusher Giovanni Panariello. Il primo ferito a via Gesù, pochi minuti dopo che ad essere stato colpito era stato il giovane pregiudicato al Largo Pace.
L'arsenale e la droga erano stati sistemati in due borsoni: complessivamente sono stati scoperti e sequestrati 2 kalashnikov, 8 caricatori pieni, 5 pistole semiautomatiche con matricola abrasa e cariche, 2 revolver con matricola abrasa e carichi, 514 cartucce di vari calibri, un passamontagna, 3 radio portatili, oltre a 840 grammi di hashish, 50 grammi di sostanza da taglio e 4 bilancini.
La sostanza stupefacente sarà distrutta, le armi invece verranno inviate al Ra.C.I.S. di Roma per gli esami balistici e per verificare l'eventuale impiego in episodi di intimidazione o di sangue. 

11-09-2017 11:50:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO