DOMENICA 22 SETTEMBRE 2019
Il caso

Castellammare, a Rai 1 il caso delle quindicenni violentate dal bidello

Il vicepreside D'Alessandro: "Nessuna voce sul suo conto. Non ci siamo accorti di nulla"

di redazione
Castellammare, a Rai 1 il caso delle quindicenni violentate dal bidello

Molti silenzi e qualche ragazza che si ferma a parlare per dire che non si era mai accorta di nulla. Queste le risposte degli alunni del Ferrari, la scuola del bidello accusato di avere abusato di due ragazzine quindicenni nel quartiere Savorito. I professori arrivano in auto e vanno diritto senza fermarsi. Alla storia, che ha scosso Castellammare, dedica uno spazio il programma di Rai 1 "Storie Italiane". Il compito di ripercorre la vicenda tocca al vicepreside, Francesco D'Alessando, che comincia dall'apertura del caso quando a denunciare la violenza subita in uno stanzino sono stati i genitori di una delle due vittime. Un anno e mezzo di indagini fino all'arresto di A.L., stabiese di 55 anni, venerdì scorso. "Quando abbiamo saputo lo abbiamo trasferito in un altro plesso della nostra scuola. Dove potevamo controllarlo meglio. In quella stanza ci sono le cose che servono per pulire, mai abbiamo pensato potesse accadere" spiega il vicepreside. "Prima non ci eravamo accorti di nulla. Nessuna voce sul suo conto. Abbiamo fatto tutto collaborando con la polizia". La denuncia arriva a dicembre del 2017, poi la richiesta del trasferimento del bidello aggredito e picchiato dalla famiglia della ragazzina. Da quella scelta lo spostamento dell'uomo alla scuola elementare Basilio Cecchi, dove è rimasto fino agli arresti domiciliari di venerdì scorso. Gli investigatori, intanto, continuano ad analizzare il cellulare e il pc dell'uomo per individuare ulteriori elementi di colpevolezza. Decisiva comunque la prova della macchia sul pantalone della vittima che tramite esami coincide con il Dna dell'uomo. Due le vittime, ma gli inquirenti stanno accertando se nella sua rete possano essere cadute altre ragazzine. 
 

04-06-2019 20:26:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO