MERCOLEDÌ 20 MARZO 2019
Il caso

Castellammare, artisti e amministratori in campo: "Non sparate i botti"

La campagna del comune, tanti i volti in video da Sebastiano Somma a Daniele Sepe

di Annalibera Di Martino

"A noi non piacciono i botti, e non ne abbiamo bisogno". Una carrellata di personaggi insieme al sindaco per la campagna contro i fuochi illegali a Castellammare di Stabia. Inizia con i "botti" il countdown per l'arrivo del 2019 nella ridente Stabia, dove il sindaco Gaetano Cimmino ha lanciato già una settimana fa una campagna di sensibilizzazione contro i fuochi illegali. Tanti i volti noti al pubblico che sposano l'iniziativa prestandosi a dei video di qualche minuto per dire " A nuje nun ce piaceno 'e botte". Da Sebastiano Somma che preferisce "o capitone", passando per gli struffoli di Biagio Izzo, la "frittura di paranza" del cantautore Tony Maiello ed il baccalà di Francesco, il pescatore del quartiere San Marco, e del parroco del Centro Antico Don Salvatore con le sue "castagne del prete". Non mancano all'appello anche le istituzioni, tra cui compaiono il vicesindaco Lello Radice e l'assessore alla sicurezza Gianpaolo Scafarto. Un mix di personaggi che passa anche per la grande musica, con il testimonial Daniele Sepe, proprio ieri in scena nella Cattedrale per il concerto "Ex voto" previsto dal cartellone comunale, il teatro ed i volti noti cabarettistici con Oscar Di Maio, Gino Rivieccio, Luigi Attrice e Vincenzo Catapano. Non poteva mancare tra questi il grande nome del Capodanno 2018, con cui inizierà per gli stabiesi il nuovo anno, Sal Da Vinci: " A nuje nun ce piaceno 'e botte ma fare l'amore dopo la mezzanotte". Così Da Vinci partecipa al coro di solidarietà preparandosi al grande concerto che domani sera dalle 23:00 lo vedrà assoluto protagonista sull'Arenile del Natale a Stabia. Altri volti compariranno in giornata e chiuderà il cerchio questa sera un filmato del primo cittadino. "Festeggiare senza botti pericolosi e senza bollettini di guerra del giorno dopo. - dichiara Gaetano Cimmino - A noi non piacciono i botti, e non ne abbiamo bisogno: il Capodanno al Sud offre tanto divertimento, tanto entusiasmo, tanta gioia e tanto buon cibo. È questo il senso della campagna che abbiamo messo in atto in queste ore sui social media. Un appello al quale hanno risposto attori, cantanti, comici e commercianti. Siamo certi che il messaggio sarà recepito e che la città e tutti gli stabiesi festeggeranno il nuovo anno nel modo giusto. No ai botti illegali".

30-12-2018 16:07:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO