GIOVEDÌ 18 LUGLIO 2019
Il caso

Castellammare Cenerentola di Fincantieri, la Regione convoca Bono e i vertici dell'azienda

Incontro sullo stabilimento stabiese in commissione attività produttive con due assessori e i sindacati

di redazione
Castellammare Cenerentola di Fincantieri, la Regione convoca Bono e i vertici dell'azienda

Bono chiamato a dire cosa ha in programma per Castellammare. A convocare l'amministratore delegato di Fincantieri sono i consiglieri regionali della commissione presieduta da Marazzo. La necessità di un tavolo per discutere del presente e futuro dello stabilimento stabiese è partita dalle preoccupazioni espresse dagli operai. Nonostante il periodo positivo del gruppo a livello internazionale Castellammare è l'unico cantiere a non avere una missione produttiva. L'incontro è fissato per mercoledì prossimo, l'elenco dei convocati è abbastanza lungo. Oltre Bono, chiamati i segretari regionali di Cgil, Cisl e Uil, e due assessori quello al lavoro e quello alle attività produttive. L'appuntamento è stato messo in agenda dopo la richiesta del Pd e del capogruppo regionale Mario Casillo e dei Cinquestelle a firma del consigliere regionale Luigi Cirillo. Sono centoventi gli operai stabiesi in esilio e ottocento gli ex dipendenti delle imprese che non  lavorano più per Fincantieri. Nonostante l’anno d’oro dell’azienda di Trieste, facendo i conti Castellammare ha perso quasi mille posti di lavoro e non sa cosa accadrà ai suoi cantieri nel prossimo futuro. Dopo l’incontro tra amministrazione Pannullo, i consiglieri comunali e i sindacati che hanno delineato le prossime mosse per ottenere che Castellammare perda il ruolo di Cenerentola della galassia Fincantieri. Attualmente il destino dello stabilimento stabiese sarebbe quello di dedicarsi alla riparazione dei traghetti. Un mission molto riduttiva e destinata ad un pesante ridimensionamento, proprio mentre Fincantieri conquista sempre nuovi mercati e sigla partnership di prestigio. 

17-11-2017 16:54:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO