GIOVEDÌ 23 MAGGIO 2019
Il fatto

Castellammare, gli alunni della Bonito-Cosenza a lezione con il figlio dell'imprenditore ucciso dal clan

All'iniziativa con Raffaele Cavaliere il responsabile di Libera Gennaro Gambardella

di redazione

Una lezione speciale. Incontro tra gli alunni della Benito-Cosenza e il figlio di una vittima innocente di camorra. Nella scuola di Castellammare il figlio di Michele Cavaliere, l'imprenditore ucciso per essersi ribellato al racket a Gragnano. Dicono i promotori dell'iniziativa: "Stamattina il nostro percorso, realizzato in concomitanza con la Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle Vittime Innocenti delle mafie, si è concluso. Abbiamo avuto l'onore di ascoltare l'accorata testimonianza di Raffaele Cavaliere, venuto a raccontarci la storia di suo padre Michele, ucciso nel '96 per essersi ribellato al racket.
Con lui il responsabile di Libera per la nostra area, Gennaro Gambardella, ormai un amico della nostra scuola, nonché ex allievo. E i nostri alunni, sempre più attenti e stimolanti, che ci hanno sorpresi per competenza e sensibilità".
Si tratta dell'ultima tappa del progetto “Legalmente” che ha come obiettivo quello di sensibilizzare gli studenti sul tema della criminalità organizzata. Il percorso, cominciato con l’attività svolte dalla CPS, una ONG di Castellammare di Stabia, è volto a condannare quegli atteggiamenti di stampo camorristico presenti nella nostra società.
L'iniziativa è stata messa in campo grazie alla dirigente, Maria Giugliano e a tutte le professoresse e i professori, a cominciare dalla responsabile del progetto Rosita Ingenito, che hanno dedicato tempo e spazio a questa serie di appuntamenti. 

25-03-2019 20:54:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO