MERCOLEDÌ 19 GIUGNO 2019
Il caso

Castellammare, morte sospetta al San Leonardo: aperta un'inchiesta

Sequestrata la salma e la cartella clinica del paziente, di 65 anni, di Torre del Greco

di redazione
Castellammare, morte sospetta al San Leonardo: aperta un'inchiesta
E' morto di setticemia a 65 anni. Aperta un’inchiesta sulla tragica fine di un paziente di Torre del Greco morto all’ospedale San Leonardo a tre settimane dal ricovero. Venti giorni in Rianimazione a Castellammare e poi non ce l'ha fatta. L’uomo, Michele M., sarebbe morto a causa di una sospetta setticemia. I familiari hanno deciso di presentare denuncia ai carabinieri di Castellammare che, coordinati dalla Procura di Torre Annunziata, hanno sequestrato la salma e la cartella clinica. I magistrati hanno aperto un fascicolo contro ignoti, come anticipa oggi il Mattino. Oggi il Pm Borriello potrebbe iscrivere i medici che lo hanno assistito nel registro degli indagati. L’uomo era arrivato al pronto soccorso stabiese con problemi respiratori. Dalle prime visite effettuate i medici avevano riscontrato un edema alle corde vocali che complicava l’attività respiratoria. Improvvisamente le condizioni del 65enne sono precipitate, così e' stato disposto il trasferimento d’urgenza nel reparto di Rianimazione dove è morto dopo venti giorni di agonia. Secondo quanto riportato in cartella clinica la causa del decesso sarebbe da attribuire ad una setticemia, ovvero un’infezione che sarebbe comparsa nei giorni successivi al ricovero e che avrebbe debilitato Michele M. fino a causarne la morte. Nella giornata di domani dovrebbe essere effettuata l'autopsia sul corpo dell’uomo per cercare di capire se qualcosa è andato storto durante il ricovero e se è stato o non è stato fatto di tutto per salvarlo.
13-06-2019 08:55:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO