GIOVEDÌ 18 LUGLIO 2019
Il fatto

Castellammare, sulle denunce e perquisizioni al Savorito il presidente Antiracket Cuomo: "Lo Stato è più forte della camorra"

Una trentina le perquisizioni, fermati i sospettati del falò con le minacce di morte ai pentiti

di redazione
Castellammare, sulle denunce e perquisizioni al Savorito il presidente Antiracket Cuomo:

Savorito blindato dalle forze dell'ordine. Controlli e perquisizioni nel quartiere diventato tristemente noto in tutta Italia per il falò con le minacce di morte ai penttiti. Fermati in tre per l'intimidazione ai collaboratori di giustizia, 300 gli automobilisti sanzionati. Sull'operazione interviene il presidente di Sos Racket Luigi Cuomo: «Lo Stato è più forte della camorra, dei clan e delle famiglie criminali. Il blitz di ieri al Savorito è un segnale importante per tutta la città di Castellammare». Il responsabile del Circolo della Legalità a cui è stato affidato il bene condiscato di fronte alla Cassa Armonica: «Chi ha deciso di sfidare pubblicamente e in maniera forte lo Stato, dopo lo striscione sul falò dell’Immacolata, doveva attendersi una risposta così dura. Un grazie alle forze dell’ordine che hanno setacciato per tutto il pomeriggio uno dei quartieri più complicati di Castellammare dove era stato lanciato il messaggio di odio contro i pentiti». Nel corso delle operazioni sarebbero stati individuati e denunciati alcuni protagonisti di quel gesto mentre gli agenti hanno sequestrato anche ingenti quantitativi di droga pronta per lo spaccio. «Per Castellammare siamo alla vigilia di una nuova fase – conclude Cuomo -. Ancora una volta le forze dell’ordine e i cittadini stabiesi onesti riusciranno ad avere la meglio contro gli uomini e le donne della camorra».

22-12-2018 17:36:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO