LUNEDÌ 26 AGOSTO 2019
Il fatto

Castellammare, una lite prima del raid al chiosco: ferita la vittima

Un litigio con un netturbino, poi la furia distruttiva a via Bonito

di redazione
Castellammare, una lite prima del raid al chiosco: ferita la vittima
Una vendetta organizzata per punire chi aveva sbagliato applicando la legge della strada. Una lite tra il proprietario del chiosco e un netturbino avrebbe preceduto il raid che, ieri notte, ha terrorizzato giovani e famiglie all'Acqua della Madonna a Castellammare. E’ stata aperta un’indagine sull'aggessione di ieri sera nei confronti del titolare del chioso sul lungomare a via Bonito. Un gruppo di almeno sei persone ha iniziato ad aggredire il commerciante e distruggere sedie e tutto quello che c'era con mazze di legno.L'aggiato tra le urla delle persone in preda al terrore. Il raid sarebbe avvenuto in risposta a quanto accaduto poco prima, quando l'imprenditore avrebbe picchiato un operatore ecologico, che non voleva prelevare l'umido come imposto da un'ordinanza del sindaco per la crisi rifiuti. In un video, divenuto virale, si notano i ragazzi sfasciare tutto quello che trovavano davanti ed il proprietario chiuso all’interno della struttura ostaggio degli aggressori. L’episodio è avvenuto poco dopo l’una e trenta di questa notte quando erano presenti in strada centinaia di persone. Improvvisamente un gruppo di ragazzi, armato di mazze, si è diretto presso il chiosco ed ha iniziato ad aggredire il proprietario oltre che a distruggere tutto quello che si trovavano davanti, il tutto è durato diversi minuti. “Abbiamo visto tantissime persone, dai rumori sembrava stessero sparando. Molti scappavano. In un primo momento non abbiamo capito cosa stesse succedendo” racconta uno dei tanti testimoni. Oltre alla frutta, sedie e tavolini sono volate anche bottiglie di vetro. Ad indagare è la polizia che ha ascoltato la versione dell’imprenditore, sotto choc e ferito, ed acquisito le immagini del sistema di videosorveglianza. La volante della polizia è arrivata troppo tardi. Infatti il gruppo di banditi è stato velocissimo e dopo alcuni minuti di follia si era già dileguato fuggemdo nelle stradine del Centro Antico.
27-06-2019 16:46:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO