GIOVEDÌ 23 MAGGIO 2019
L'iniziativa

Da Massa a Torre Annunziata, a nuoto senza una gamba: la nuova sfida di Salvatore Cimmino

L'atleta: "Importante che tutti sappiano delle nuove tecnologie per i disabili"

di redazione
Trenta chilometri a nuoto senza una gamba. Salvatore Cimmino, atleta simbolo delle battaglie dell'associazione Luca Coscioni a tutela dei diritti delle persone con disabilità, sabato prossimo sarà protagonista di una traversata di 30 km a nuoto da Massa Lubrense a Torre Annunziata. Cimmino da anni si batte per la tutela dei diritti delle persone con disabilità e per l'abbattimento delle barriere architettoniche e già in passato è stato protagonista di altre traversate in varie parti del mondo.
"Nel nostro Paese sarebbe fondamentale aggiornare di continuo il Nomenclatore Tariffario, il documento che - afferma Cimmino - elenca gli ausili e i presidi tecnologici forniti dal Servizio Sanitario Nazionale alle persone con disabilità, seguendo in modo sistematico le evoluzioni tecnologiche delle protesi e degli ausili così da garantire alle persone con disabilità quegli evidenti benefici derivati dal progresso della ricerca scientifica". Secondo Cimmino, inoltre, "sarebbe altrettanto importante adoperarsi per far sì che in Italia l'inclusione e la coesione sociale rappresentino i principi alla base dei processi decisionali politici e aziendali a tutti i livelli, applicando l'approccio del cosiddetto "Design for All" (progettazione universale)".
La traversata coinvolgerà i comuni di Torre Annunziata e di Massa Lubrense, gli ultimi in ordine di tempo - spiegano gli organizzatori - ad aver aderito al Piano di Eliminazione delle Barriere Architettoniche (Peba).
07-05-2019 17:35:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO