MARTEDÌ 20 AGOSTO 2019
Castellammare

Due sedie per i pazienti del Pronto soccorso, il dono della Pro Loco al San Leonardo

Alla cerimonia di consegna il direttore Muto: "Il rapporto con le associazioni per noi è fondamentale"

di redazione
Due sedie per i pazienti del Pronto soccorso, il dono della Pro Loco al San Leonardo

Due nuove sedie di comodo per i pazienti del Pronto soccorso sono da poche ore ufficialmente state donate all’Ospedale San Leonardo di Castellammare. A consegnarle, nelle mani dei dirigenti sanitari del nosocomio stabiese, i soci della Pro Loco Castellammare di Stabia che martedì 28 giugno scorso hanno così dato concretezza al progetto di promozione e valorizzazione culturale e turistica del territorio che strizza simpaticamente l’occhio alla realtà quotidiana nel segno della Solidarietà. “Un sentito grazie anche a nome del Direttore Generale, dei sub Commissari e del personale tutto perché oggi abbiamo la possibilità di comprendere appieno il significato di parole come assistenza e compartecipazione con le associazioni di volontariato il cui apporto è fondamentale per incrementare la buona sanità” così ha esordito Mauro Muto, Direttore degli Ospedali Riuniti dell’Area Stabiese.“Stiamo lavorando – ha continuato - per una migliore umanizzazione e ottimizzazione dei servizi di assistenza per i quali ogni ospedale ha a disposizione circa 25.000 euro e con l’introduzione del percorso accelerato e del triage organizzativo – ha precisato - ogni paziente che arriva in pronto soccorso potrà stare in letto di osservazione quelle tre, quattro o sei ore necessarie a stabilire se deve essere dimesso, avviato a procedure più complesse oppure inviato ad unità territoriali specializzate. Stiamo anche – ha continuato il dirigente - ridisegnando il percorso rosa per l’assistenza alle donne vittime di violenze e stalking che avranno a disposizione quindi un’area riservata con psicologi specializzati oltre a quello della linea argento che offrirà alle persone anziane l’opportunità di ritrovare anche in ospedale quegli spazi tranquilli e privati cui sono abituati in casa propria. Il tutto – ha concluso Muto - nell’ottica di un polo unico coordinato degli ospedali del territorio ai fini del decongestionamento dai famosi ricoveri impropri e per la riduzione dei tempi di attesa di problematiche come quelle, ad esempio, delle fratture del femore che andrebbero gestite entro le 48 ore e che ancora oggi richiedono non meno di sei - sette giorni”.

“Grazie per l’impegno profuso e il grande senso di altruismo e solidarietà dimostrato che è andato senz’altro in una giusta direzione utile all’intera Comunità”, questo il commento del dottore Arturo Fomez, Responsabile del Pronto Soccorso del San Leonardo.

 

01-07-2016 11:42:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO