MARTEDÌ 17 OTTOBRE 2017
L'evento

Festival delle Ville Vesuviane, per l'estate 2017 da Bennato a Capossela

Si comincia a Torre del Greco con Mariangela D'Abbraccio che unisce i mondi di De Filippo e Pino Daniele

di redazione

Edoardo Bennato, Vinicio Capossela, Mariangela D'Abbraccio: sono alcuni protagonisti del 28esimo Festival delle Ville Vesuviane che prenderà il via il 24 giugno con le 'Celebrazioni leopardiane' in Villa delle Ginestre a Torre del Greco Napoli. Dopo cinque giorni di appuntamenti e visite alla dimora, giovedì 29 alle 21.00 debutterà in prima assoluta 'Napule è ... milionaria' con Mariangela D'Abbraccio, regia di Consuelo Barillari. Prodotto da Schegge di Mediterraneo, lo spettacolo vedrà in scena l'attrice napoletana, con la band Musica da Ripostiglio, che unirà i mondi di Eduardo De Filippo e Pino Daniele a partire da 'A vierno 'o friddo' interpretata dal cantautore per il centenario del drammaturgo al Teatro San Carlo nel 2000.
Il 6 luglio al Parco sul mare di Villa Favorita a Ercolano dove la platea è passata da 2500 a 4mila posti, si esibirà Edoardo Bennato con il tour 'Pronti a salpare' tra nuovi brani e classici del repertorio. Il 13 'Ludis', un atto unico di Vinicio Capossela: un concerto-invenzione che il cantautore ha pensato appositamente per il Parco sul mare della Villa, luogo di ameni soggiorni, svaghi, giochi e amori di Ferdinando IV di Borbone. Il 20, altro progetto esclusivo con 'Rap Sound e Miglio d'Oro' di Ciccio Merolla, che intreccerà voce e versi con altri ospiti. Il 27 sarà la volta di una band di culto dell'elettronica, Planet Funk, con 'Recall tour 2017'. Il 30, omaggio ai cinquanta anni dell'album 'Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band' dei Beatles con la tribute band The Abbey Road. Ed ancora, il 13 agosto, in collaborazione con il Comune di Ercolano, per le festività della Madonna Assunta ci sarà in piazza Pugliano un esclusivo concerto in due tempi di Valentina Stella ed Enzo Gragnaniello, aperto alla cittadinanza.
Da settembre a dicembre il Festival si sposterà, invece, nella vanvitelliana Villa Campolieto, recentemente restaurata, con un concerto di musica classica, un ciclo di tre conferenze a cura del presidente della Fondazione Ente Ville Vesuviane, Giuseppe Galasso, dedicate alla storia, all'economia e alla cultura dell'area vesuviana e del Mezzogiorno. Infine 'pirotecnica' chiusura con performance e installazioni nell'emblematica residenza del Miglio d'Oro.
''Il Festival 2017 avrà come colore di fondo il genius loci delle ville vesuviane, mix di identità e tradizione e di apertura ai più diversi linguaggi artistici'' dice il direttore generale della Fondazione, Paolo Romanello che è anche direttore artistico per il 18esimo anno. ''Non a caso, la programmazione punta su progetti che diventano esclusivi o che sono pensati ad hoc per i nostri siti e non privi di sorprese, e ancora su artisti napoletani e di origine campana che sono tra i più eccellenti interpreti nei vari generi musicali, fino a momenti di riflessione per comprendere passato, attualità e prospettive del territorio vesuviano. Anche quest'anno - spiega - ci aspettiamo un pubblico numeroso dalla Campania come dalle altre regioni del Sud e dal resto d'Italia, anche alla luce dell'ampliamento della platea del Parco sul mare fino a 4mila posti. Sarà attuata una politica di prezzi accessibili in linea con le finalità sociali della Fondazione, rivolte soprattutto ai giovani e alle collettività locali. Partecipare ai nostri eventi significa avvicinarsi allo straordinario patrimonio delle ville vesuviane, ma anche sostenere la conservazione e la valorizzazione dei siti su cui la Fondazione ha potere d'intervento e di gestione. Come nelle passate edizioni, parte degli introiti verrà destinata a tale scopo''. 

06-06-2017 19:53:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO