GIOVEDÌ 21 MARZO 2019
la contestazione

Gli studenti ritornano nelle piazze contro il Governo giallo-verde

La protesta contro la nuova maturità e la regionalizzazione della scuola

di redazione

 Giulia Biazzo coordinatrice nazionale dell'Unione degli studenti" così preenta la mobilitazione di oggi in 30 piazze d'Italia contro la nuova maturità e la regionalizzazione del sistema scolastico, "saremo, dice, una costante spina nel fianco contro l'ennesimo governo che vuole distruggere il sistema
nazionale di diritto allo studio", l"a regionalizzazione della scuola, prosegue la Biazzo, senza una legge nazionale sul diritto allo studio è un'impresa tutta leghista che ignora il definanziamento della scuola pubblica nel Paese e conferma il tradimento di questo Governo nei nostri confronti.
La Biazzo, va poi giù dura affermando che "della democrazia non c'è traccia: la riforma della maturità ne è
esempio con l'introduzione delle prove invalsi al quinto anno, l'eliminazione della tesina e la centralità dell'alternanza scuola-lavoro rendono inaccettabile il nuovo esame di maturità;  è l'ennesima riforma che non dà risposte ai problemi reali della scuola e che non prende in considerazione il punto di vista
studentesco".
Secondo la coordinatrice "non basta riformare l'esame di Stato e regionalizzare il sistema per risolvere le gravi mancanze di questo Governo in legge di bilancio in materia di istruzione. In autunno lo abbiamo rivendicato nelle piazze e torniamo a farlo oggi straordinariamente in primavere dopo una settimana di occupazioni ed autogestioni: costruiamo un'uscita di sicurezza contro questo Governo!"

22-02-2019 09:56:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO