DOMENICA 22 SETTEMBRE 2019
Inquinamento

Goletta Verde, ancora brutte notizie per il nostro mare. "Torre Annunziata e Castellammare fortemente inquinati"

I dati presentati stamattina a Maratea: "Il quadro che viene fuori dal monitoraggio è sconfortante"

di redazione
Goletta Verde, ancora brutte notizie per il nostro mare.

Ancore brutte notizie per il nostro mare. Per le coste del Golfo, per i nostri paesi. Da Napoli a Castellammare. Senza soluzione di continuità.
Questa volta, a mettere le dita in ferite aperte da troppi anni, ci pensa Goletta Verde, che proprio stamattina, durante un incontro pubblico a Maratea, ha fatto sapere che la situazione ‘mare’ tra Napoli e Salerno è “fortemente critica”.
In provincia di Napoli, escludendo le isole, sui dodici punti campionati nove presentano cariche batteriche elevate. A Salerno risulta fortemente inquinato la foce del fiume Irno, sul lungomare Tafuri. Stesso giudizio anche per le acque prelevate allo sbocco del canale di Licola a Pozzuoli; alla foce del Lagno vesuviano a Ercolano; alla foce del fiume Sarno tra Torre Annunziata e Castellammare di Stabia; alla foce del Rivo San Marco e alla spiaggia antistante Lungomare Garibaldi a Castellammare di Stabia.
Tutti luoghi "fortemente inquinati", a cui va aggiunta il Ponte della Gatta, sulla litoranea di Torre del Greco, che almeno è solo "inquinato". Meno inquinati ma pur sempre oltre i limiti, la foce Capo di fiume a Licinella e la foce del fiume Solofrone tra Capaccio ed Agropoli. Entro i limiti i campionamenti a Bacoli (canale di sbocco a mare del lago Fusaro) e alla spiaggia Mortelle a Portici.
Nel corso del suo intervento il responsabile scientifico di Legambiente Giancarlo Chiavazzo ha spiegato come "Per risolvere problemi esistenti particolare attenzione dovrà essere posta nell'utilizzo dei fondi comunitari e CIPE, con la consapevolezza che nell'ultima programmazione 2007-2013 non sono stati spesi circa 700 milioni di euro destinati alla realizzazione di infrastrutture depurative". Il quadro che viene fuori dal monitoraggio è sconfortante: enterococchi intestinali maggiori di 400 Ufc su 100 ml ed escherichia coli maggiori di 1000 Ufc su 100 ml, dati contenuti in una classifica che oscilla tra inquinato e fortemente inquinato.
Alla foce del Sarno e del Rivo San Marco, così come alla spiaggia antistante Lungomare Garibaldi a Castellammare di Stabia, secondo Goletta Verde, la situazione è assolutamente drammatica.

 

18-07-2016 10:38:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO