DOMENICA 22 SETTEMBRE 2019
Il caso

Inquinavano un angolo di Paradiso, sequestrati depuratori che sversavano liquami tra Praiano e Amalfi

Indagati anche i sindaci Di Martino e Del Pizzo, insieme ad altre sette persone tra tecnici e amministratori

di redazione
Inquinavano un angolo di Paradiso, sequestrati depuratori che sversavano liquami tra Praiano e Amalfi

Inquinavano invece di salvare il mare dai liquami. Un crimine in uno degli angoli di paradiso a livello internazionale.  E’ questa la scoperta fatta dai carabinieri di Salerno di quello che avveniva nel pezzo di golfo tra Amalfi e Praiano. Una scoperta che ha messo nei guai anche Il sindaco di Praiano , Giovanni Di Martino, l'attuale sindaco di Amalfi e quello precedente, rispettivamente Daniele Milano e Alfonso Del Pizzo, sono tra i nove, infatti, indagati nell'operazione condotta dai carabinieri del Noe di Salerno e dalla Capitaneria di Porto di Salerno e illustrata questa mattina alla procura di Salerno dal procuratore Corrado Lembo. Al centro dell'inchiesta il cattivo funzionamento di due depuratori con conseguente sversamento dei rifiuti direttamente a mare nel cuore della Costiera Amalfitana, tra i comuni di Amalfi e Praiano. Tra gli indagati ci sono anche il legale rappresentante, personale tecnico e amministratori delle società di gestione dei due depuratori della Ausino spa.

 Sono stati, infatti, sequestrati un impianto di trattamento dei reflui urbani situato in località Cieco di Amalfi e la stazione di sollevamento in località Porto di Amalfi e gli impianti di trattamento dei reflui urbani del comune di Praiano, in località Vettica.

 

11-02-2016 17:15:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO