MERCOLEDÌ 23 GENNAIO 2019
Il trentennale a Castellammare

Isa Danieli ricorda il suo Annibale: "Quante risate ci facevamo, lo porto con me ogni volta che sono in palcoscenico"

Cerimonia al comune in ricordo di Ruccello, Pannullo: "Istituiremo una Fondazione"

di Christian Apadula

“Insieme ci facevamo sempre un sacco di risate”. Lo dice così, come le viene dal cuore con un misto di italiano e napoletano che fa riemergere dal cassetto dei ricordi quel sorriso scanzonato. Il ricordo di Annibale lei lo porta sempre con se. Isa Danieli si trova a suo agio nelle stanze di Palazzo Farnese. “Io a Castellammare torno sempre soprattutto per  lavoro” racconta l’attrice, che ha lavorato con i più importanti registi italiani di teatro e cinema. Ma nel suo cuore porta l’autore stabiese che a lei si ispirava per opere come Ferdinando. “Annibale è con me nel camerino ogni volta che devo salire in palcoscenico”. Lascia da parte la retorica l’attrice tornata nella città di Ruccello per partecipare alla cerimonia che inaugura le iniziative del trentennale della morte. Una morte tragica che lo ha stroncato in un terribile incidente autostradale il 12 settembre del 1986. “Mi è dispiaciuto non potere esserci quando morì la mamma di Annibale, ma ero fuori. Oggi non potevo mancare”. “Istituiremo una Fondazione Annibale Ruccello” annuncia il sindaco Tony Pannullo. Ma oggi pomeriggio nell’aula consiliare erano in tanti, soprattutto artisti. L’amico Lello Guida, che con lui ha scritto alcuni testi e condiviso i primi successi, è sicuro che “Annibale ha ancora tanto da dare ai giovani che esordiscono nel teatro”. Per l’attore Lello Radice si tratta di un drammaturgo che “è già un nome riconosciuto sui palcoscenici del teatro internazionale”. Ma per Piero Pepe “Castellammare deve fare di più per Ruccello, la sua città fa ancora troppo poco”. Poi l’album dei ricordi: “Gli dissi tu non devi recitare, devi solo scrivere. Mi rispose ‘tu mi vuoi fa murì’”. Seduti tra i banchi, accanto a consiglieri e assessori, ci sono volti noti del teatro come Peppe De Rosa e Camilla Scala. Al tavolo centrale col sindaco e la Danieli il critico d’arte Giulio Baffi. E’ la giornalista Monica Citarella a spiegare i principali appuntamenti in calendario per ricordare Ruccello in collaborazione con lo "Stabia Teatro Festival" organizzato dal Teatro Tunica e dall'associazione culturale "Achille Basile - Le Ali della Lettura" che quest'anno, accanto al calendario di eventi letterari e teatrali e alla terza edizione del "Premio Stabiae - Annibale Ruccello, si arricchirà di un convegno organizzato dall'università Federico II dedicato al drammaturgo stabiese. A Ruccello sarà dedicato quest'anno, anche, il programma dello "Stabia Teatro Festival", kermesse teatrale e letteraria curata dell'associazione Teatro Tunica di Luca Nasuto e dell'associazione culturale "Achille Basile. Le ali della lettura", che si svolgerà al teatro Supercinema di Castellammare dal 4 novembre al 2 dicembre. Il 7 novembre è invece in programma la prima giornata di studi del convegno presso la sede della Federico II, mentre la seconda giornata si svolgerà nell'aula magna "Francesco Di Capua" del liceo classico "Plinio Seniore" di Castellammare, dove il giovane Annibale affrontò le sue prime prove di studente. La serata della consegna del "Premio di teatro e di poesia "Annibale Ruccello"" si terrà al teatro Supercinema di Castellammare venerdì 2 dicembre e sarà conclusa da un concerto di Eugenio Bennato. Il sipario si è appena alzato, Castellammare terrà a lungo i riflettori accesi per ricordare il suo Annibale. 

12-09-2016 19:32:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO