DOMENICA 16 GIUGNO 2019
La memoria

La scuola di Casola intitolata a Raffaele Iozzino, l'agente di scorta ucciso dalle Br durante il rapimento di Moro

Alla cerimonia promossa dal sindaco Peccirillo e dalla dirigente Solidone anche il Ministro Alfano

di redazione
La scuola di Casola intitolata a Raffaele Iozzino, l'agente di scorta ucciso dalle Br durante il rapimento di Moro

Una scuola con il suo nome, perché a ricordare il sacrificio di Raffaele Iozzino siano i più giovani. Dopo quasi quarant’anni, in una cerimonia a cui parteciperà anche il ministro dell’interno Alfano, il comune di Casola ricorderà l’agente di scorta morto il giorno in cui fu rapito Aldo Moro. Il Sindaco di Casola, Domenico Peccerillo e il dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo del Comune di Casola di Napoli, Donatella Solidone, annunciano che per il prossimo lunedì 24 ottobre, alle ore 11.30 in piazza Crocifisso, è prevista l’iniziativa di intitolazione dell’Istituto all’Agente della Polizia di Stato Raffaele Iozzino, Medaglia d’Oro al Valor Civile. Raffaele era un giovane casolese quando nel 1971 decise di arruolarsi in Pubblica Sicurezza per realizzare il suo sogno di diventare poliziotto.  Si forma presso la scuola di Alessandria per essere trasferito successivamente al Viminale e poi diventare componente della scorta dell’Onorevole Aldo Moro. Cade nell’attentato di via Fani del 16 marzo del 1978. Un giorno che i cittadini del piccolo comune dei Monti Lattari intendono ricordare trasmettendo la sua testimonianza alle nuove generazioni.

18-10-2016 18:08:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO