MERCOLEDÌ 21 AGOSTO 2019
Vico Equense

La Ss.Trinità e Paradiso rinasce in una mostra fotografica

L’Unitre sorrentina e i ragazzi di Vico Equense insieme per un simbolo che vuole tornare a vivere

di redazione
La Ss.Trinità e Paradiso rinasce in una mostra fotografica

Un secolo di storia raccontato in una mostra fotografica. La storia dell’istitituto per l’educazione femminile, SS. Trinità e Paradiso, uno dei smboli di Vico Equense, è possibile viverlo attraverso immagini raccolte insieme da giovani cittadini vicani e dagli anziani associati della Unitre Sorrento. L’associazione che si occupa di chi, non più ragazzino, intende laurearsi è stata il motore dell’iniziativa culturale inaugurata stamattina.  Vincenzo Esposito, presidente di Unitre e del consiglio di amministrazione dell’istituto “SS.Trinità e Paradiso” ha fatto da guida ai visitatori riportando in vita anche documenti antichissimi come una lettera di ammissione la monastero femminile datata 1677. Altre foto, invece, immortalano i tempi in cui l’edificio era adibito ad istituto di istruzione femminile. L’elemento che più colpisce chi sceglie di visitare la Mostra è il contrasto tra i quadri e i muri dove sono appesi. Le crepe sembrano testimoniare l’anima di un luogo che ha formato generazioni di cittadini vicani. Un simbolo che vuole essere ancora utile alla comunità. Esposito ricorda anche come sia nata l’idea di riqualificare l‘istituto che, nel tempo, è stto preda dell’incuria e di danni strutturali provocati dal terremoto dell’80. “Mi sono appassionato alla storia dell’edificio – afferma - dopo essermi imbattuto in documenti di rilevanza storica.  Lo scopo di questa mostra – aggiunge -  è che tutti possano informarsi attraverso questi importanti testimonianze storiche”. Il presidente Esposito rivolge anche un invito all’amministrazione comunale. “ Bisogna che i nostri politici – dichiara -trovino i fondi per i lavori di restauro di cui l’edificio necessita per essere fruito e goduto dalla città”.  

Raffaela Visciano

26-11-2016 17:50:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO