SABATO 23 MARZO 2019
Castellammare

Le Ville di Stabia partecipano alla Festa dei Musei: aperti ai visitatori nuovi percorsi di grande fascino

A Villa San Marco copie dei reperti che ora sono esposti a Napoli

di Marzia Rega

Anche le Ville di Stabia nella Festa nazionale dei Musei che ha coinvolto gli appassionati di archeologia con una serie di iniziative interessanti tra Pompei, Oplonti e Ercolano. A Castellammare sono tornate copie dei tesori ora esposti nel Museo archeologico di Napoli. Stabia è stata quindi inserita nel calendario degli appuntamenti promossi in tutta Italia il 2 e 3 luglio. Anzi proprio le Ville di Stabia hanno  riservato ai visitatori delle sorprese inedite rispetto agli usuali percorsi di visita. Infatti sono stati eccezionalmente aperti alla fruizione del pubblico quattro ambienti  prospicienti la grande Palestra, tutti affrescati in IV stile iniziale.

Mentre, presso la Villa San Marco, i visitatori hanno avuto l'opportunità di essere accolti dalla riproduzione della statua bronzea, dalle sembianze di volatile,  che anticamente ne ornava l'impluvium dell'atrio tetrastilo in stile ionico. Inoltre nel giardino del grande Peristilio è stato collocato, sempre nel suo luogo di origine, la riproduzione del grande cratere in marmo decorato con la raffigurazione a rilievo del corteo di Pan e Menadi danzanti. Entrambi i reperti furono  rinvenuti all'epoca degli scavi voluti dal Re Carlo di Borbone, e condotti dall'ingegnere spagnolo Roque Joachin de Alcubierre nel 1749, affiancato poi, nel 1750, dall'ingegnere svizzero Karl Weber.

Dapprima gli affreschi e la suppellettile meglio conservata furono raccolti nella Reggia di Portici, successivamente trovarono collocazione presso il Museo Archeologico Nazionale di Napoli.

05-07-2016 12:11:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO