LUNEDÌ 10 DICEMBRE 2018
Il caso

Manifesti choc, donne accanto allo slogan "Preferiamo la carne": è bufera

La Cgil chiede la rimozione della pubblicità al sindaco di Pontecagnano

di redazione

È bufera su una campagna pubblicitaria che paragona donne a "carne da mangiare". La provocazione è riuscita e a Pontecagnano scoppia la polemica. Chiesta la rimozione dei manifesti apparsi un po' ovunque. Tutto è partito da una trattoria del posto, che ha affisso alcuni manifesti sui quali si vedono cinque modelle curvy in mutandina e reggiseno con accanto la scritta "Noi preferiamo la carne". Ad insorgere per prima è stata la Cgil, chiedendo la rimozione dei manifesti. La pubblicità è considerata sessisti offensiva e lesiva dell'immagine della donna, quasi paragonata a carne di animali da gustare. A Pontecagnano molte le proteste anche dei cittadini. La Cgil di Salerno ha inviato una lettera di protesta al sindaco di Pontecagnano Faiano, Giuseppe Lanzara. "A seguito di numerose segnalazioni pervenute presso la nostra sede chiediamo la rimozione immediata dei cartelloni pubblicitari in quanto offensivi e lesivi della dignità delle donne, paragonate a ‘carne da macello'" si legge nella lettera inviata dall'organizzazione sindacale, che chiede dunque l'intervento del primo cittadino affinché i manifesti offensivi vengano rimossi.

 

 

 

21-11-2018 19:24:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO