MERCOLEDÌ 20 MARZO 2019
Il fatto

Nel presepe arriva Hitler, ma spopolano Ferragni e Salvini

Napoletani indignati per la statuina del fuhrer a San Gregorio Armeno

di Annalibera Di Martino

Il presepe dell’orrore con Hitler indigna i napoletani. Ma Napoli quest’anno è tutta Ferragni e Salvini. Sta arrivando Natale e con le feste la strada di San Gregorio Armeno a Napoli è affollata da turisti e visitatori che curiosi scrutano nelle botteghe degli artigiani e sugli espositori per trovare i personaggi del presepe... sacro e profano. Ebbene sì, ormai l’idea della capanna con Gesù bambino, la Madonna, San Giuseppe, l’asinello ed il bue sembrerebbe superata. Quest’anno è arrivato addirittura il nemico del cristianesimo alla Betlemme dei peccatori: il führer Hitler. Davanti alla Regina Elisabetta, accanto a Benito Mussolini, si vede un uomo con il baffo marcato, un braccio teso verso l’altro e l’altro dritto sui fianchi della divisa con la svastica, sguardo ghiacciante sul classico saluto romano. Adolf Hitler ha indignato i napoletani a tal punto che le istituzioni hanno addirittura parlato di “apologia del fascismo”. Nessun problema per la bottega degli artigiani Di Virgilio che hanno lavorato alla realizzazione, infatti sembrerebbe si sia trattato di un lavoro su commissione, esposto per volere dell’acquirente al fine di fare una sorpresa al destinatario che passando l’avrebbe visto. Pensano “Mannaggia” i Ferrigno, storica bottega della produzione di statuine presepiali, che sul Mattino spiegano che avrebbero voluto realizzarlo. Sicuramente non manca la celebrità all’impresa, produttrice di spicco del genere, che ogni anno, sempre di più, vende personaggi dell’attualità e del mondo dello spettacolo. Sul red carpet del presepe spiccano il bianco del vestito di Pulcinella ma anche del ciuffo di Cristiano Magioglio e del vestito di Papa Francesco. Qualche fila più avanti tocca al rocker di Zocca Vasco Rossi ed il napoletanissimo Pino Daniele. Il parterre è costellato anche da artisti internazionali come Bono Vox, Michael Jackson e George Michael. Si incontrano tra la folla Gigi D’Alessio, Renato Zero, Lucio Dalla, Sferaebbasta ed il cast di Gomorra. La coppia di sposini Fedez e Ferragni capeggia la sfilata del fashion in cui ancora persiste un’eterna bellezza come Sofia Loren. Una fetta di Napoli anche per la statuina di Antonino Cannavacciuolo ed un po’ di nostalgia nella chioma bionda di Nino D’Angelo. Uno spazio è dedicato al calcio, dove ovviamente la squadra del Napoli ha una tribuna speciale anche se Cristiano Ronaldo, con la maglia bianconera, resta la statuina più venduta. Un successo assoluto per Cr7 ma anche per la Lega. Ebbene si, la politica non è risparmiata. Una plenaria nazionale ed internazionale nelle vetrine di Ferrigno tra Matteo Renzi, il premier Giuseppe Conte, il nuovo segretario dem Maurizio Martina, Downald Trump, Maria Elena Boschi, Luigi Di Maio, Beppe Grillo, Emmanuel Macron e Matteo Salvini. Il leader del Carroccio è tra i più venduti insieme a Ronaldo. Insomma il politico dell’anno anche tra i pastori, dopo il 4 marzo ha vinto le primarie del presepe.

12-12-2018 17:27:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO