GIOVEDÌ 23 MAGGIO 2019
Il caso

Orrore all'asilo, maestra picchiava i bambini e li legava con lo scotch: condannata

Il caso, aperto dai racconti dei piccoli, in una scuola del casertano

di redazione
A raccontare tutto sono stati i bambini. I piccoli che andavano all'asilo per incontrare i compagni di scuola e giocare, hanno spiegato agli inquirenti che venivano picchiati e immobilizzati sula sedia. Il giudice monocratico del tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha condannato una maestra della scuola dell'infanzia di Cancello e Arnone, Maria Grazia Paolella, ad un anno e tre mesi di carcere, con l'accusa di aver maltrattato quattro bambini della classe in cui lavorava. I bambini, per punizione, venivano costretti a stare faccia a muro, venivano violentemente colpiti con schiaffi, e venivano anche legati alle sedie con dello scotch da imballaggio, con il quale veniva anche tappata loro la bocca. I fatti sono accaduti nel 2012. La donna, anche dopo che emersero i maltrattamenti, non è mai stata licenziata o trasferita, anzi ha continuato a lavorare nello stesso istituto e tuttora è in servizio a Cancello e Arnone. Secondo quanto sostenuto dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere e confermato poi nel dibattimento, la Paolella (difesa da Alessandro Diana) usò metodi educativi violenti, schiaffeggiando i bimbi, legandoli alle sedie o tappando loro la bocca con il nastro isolante. Furono proprio i piccoli alunni a confidare ai genitori gli atteggiamenti della maestra, dopo aver manifestato vari sintomi di malessere; c'era chi non voleva andare più a scuola, chi lamentava mal di pancia.
16-05-2019 19:53:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO