LUNEDÌ 17 GIUGNO 2019
La lettera

Processione di San Catello, l'appello dei sacerdoti agli stabiesi: "Mettete le bandiere gialloblu alle finestre"

Documento congiunto di tutti i parroci di Castellammare sul caso dell'8 maggio

di redazione
Processione di San Catello, l'appello dei sacerdoti agli stabiesi:

Noi sacerdoti e parroci di Castellammare abbiamo condiviso la giusta “provocazione-riflessione”  del parroco della chiesa Concattedrale,  in merito alla processione di San Catello del mese di maggio. La riflessione non mirava a togliere la seconda processione,  quanto piuttosto a scuotere la coscienza assopita di un popolo che dimenticando la sua storia, rischia di  smarrire la propria identità e il senso di appartenenza ad una  comunità in cui tutti sono chiamati a lavorare per il bene comune. Ribadiamo con forza, quanto abbiamo scritto nella lettera alla città del 12 dicembre 2015 “ E’ tempo di misericordia per la nostra città”( trovate il testo nelle parrocchie o nel sito diocesano: www.diocesisorrentocmare.it)  La processione è  manifestazione di un  popolo che sceglie di camminare insieme per il bene della Città, e decide di non rimanere inerte ai margini della strada aspettando che altri camminino al proprio posto. San Catello è un vero Stabiese che ha amato e difeso la sua comunità civile e religiosa, imitiamo il suo esempio!  Inoltre, vi invitiamo a manifestare  la voglia di riscatto e di impegno  con due segni:

- partecipiamo tutti alla processione per dire insieme: Con e come  San Catello vogliamo impegnarci per il bene della città!

- Il giorno 8 maggio mettiamo alla nostre finestre e balconi  una bandiera o un segno che richiami i colori giallo e blu della Città per ricordare, con San Catello, gli uomini e le donne che hanno dato la vita per il bene di questa terra,  benedetta da Dio ma spesso ferita dai suoi figli.

                                                            

                                                                I sacerdoti di Castellammare

17-04-2016 10:50:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO