LUNEDÌ 10 DICEMBRE 2018
Il fatto

Raid vandalici all'Acqua della Madonna, l'assessore Scafarto: "Ci hanno dichiarato guerra, ma io non mi faccio intimidire"

Gli impegni dell'amministrazione Cimmino: "Puntiamo a riaprire il parcheggio delle Antiche Terme e ad istituire ampie isole pedonali. Stop alle auto e preferiamo le biciclette"

di Annalibera Di Martino

“Ci hanno dichiarato guerra, ma io non ho paura. Non mi lascio intimidire”. Usa i toni forti Giampaolo Scafarto denunciando raid vandalici all’Acqua della Madonna. Raid contro due parchimetri nel regno dei parcheggiatori abusivi, ma l’assessore alla legalità dell’amministrazione Cimmino rilancia. Un piano mobilità ben strutturato, con una Ztl che coinvolgerebbe diverse zone della città, in primis quella che interessa lungomare, secondo l'assessore, garantirebbe anche maggiori controlli e quindi la possibilità di emarginare gli atti vandalici o pericolosi messi in scena negli ultimi tempi, come quelli dalle baby gang: "All'Acqua della Madonna sono avvenuti due episodi mio avviso gravissimi. E' una zona che da tempo controllo quotidianamente. Mi erano state segnalate delle criticità relative al divieto di sosta e parcheggio ed ho costato che una colonnina del parcometro era stata rimossa da diverso tempo; ho chiesto alla TMP di provvedere alla sostituzione del parcometro che è avvenuta nel giro di 48 ore. Installato il parcometro, la sera stessa, qualcuno ha pensato bene di romperlo, lo ha divelto e reso inutilizzabile e bisognerà reinstallarlo da capo. L'altro ieri, invece, l'unico parcometro in via Bonito è stato bruciato. A me non intimorisce nessuno, meno che mai questa gentaglia. E' nostra intenzione combatterla, con tutti gli strumenti ordinari e straordinari, grazie anche all'ottimo rapporto con le forze dell'ordine che lavorano su Castellammare”. Poi Scafarto passa ai numeri: “Abbiamo aumentato le attività sanzionatorie di più del 20% nel solo trimestre luglio-settembre. Sono stati elevati da parte degli agenti più di 3000 verbali, 100 verbali d'infrazione del codice della strada al giorno. E' un azione da mettere in campo per educare i cittadini ad un utilizzo accorto dell'auto. Disincentivarlo, preferendo mezzi alternativi, come biciclette a pedalata assistita”. Poi Scafarto continua a illustrare gli interventi futuri: “Vogliamo attuare il piano di mobilità, mi riferisco a quello del 2008 redatto dall'architetto Russo, con il quale ci siamo incontrati più volte, abbiamo fatto anche una tabella di marcia per dare finalmente a Castellammare un piano mobilità, ovvero un piano che prevede la Ztl, pedonalizzando vaste aree, la realizzazione di parcheggi o ripristinando anche quelli già esistenti, come alle Terme Vecchie, dove già è stato redatto un progetto, recuperando circa 150 posti. Verso aprile -maggio potremmo anche farcela a restituire questo parcheggio alla città, si tratta di fare interventi a salvaguardia delle fonti sorgive che sono sotto, ma l'assessore Russo è già molto avanti rispetto ai lavori”. Ma non c’è solo la viabilità e Scafarto continua con il suo bilancio: “La sola polizia commerciale ha provveduto a 1580 sopralluoghi di cantieri sottoposti a vigilanza, redigendo 59 informative di reato, sequestrando 24 di questi cantieri. Anche la polizia ambientale, che in diverse occasioni ho personalmente guidato in attività di ricognizione per quanto riguarda quelle che sono le problematiche dei siti di discariche abusive, dove abbiamo previsto l'installazione di oltre 5 telecamere nell'arco di pochi giorni dovremmo essere anche operativi. L'unico sistema che abbiamo per disincentivare questi conferimenti è quello della sanzione, quindi abbiamo ripreso il controllo a campione, non solo delle discariche abusive, ma anche del conferimento da parte degli utenti, con identificazione del titolare del rifiuto e sanzione amministrativa".

16-10-2018 17:49:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO