MARTEDÌ 17 OTTOBRE 2017
L'inchiesta

Resta in cella il sindaco di Torre del Greco, Borriello non lascia Poggioreale

Il gip del Tribunale di Torre Annunziata rigetta l'istanza di annullamento della misura cautelare

di redazione
Resta in cella il sindaco di Torre del Greco. Il gip del tribunale di Torre Annunziata, Emma Aufieri, ha rigettato l'istanza di annullamento o revisione della misura cautelare in carcere presentata dall'avvocato Giancarlo Panariello nei riguardi di Ciro Borriello, arrestato lunedì scorso nell'ambito dell'inchiesta sulla riscossione di presunti ''fondi neri'' in cambio di favori alla ditta Fratelli Balsamo nell'ambito del settore rifiuti. L'avvocato Panariello aveva motivato l'istanza di revisione o annullamento sostenendo che il sindaco Ciro Borriello risultava dimissionario (dimissioni presentate al termine del consiglio comunale dello scorso 28 luglio, quando aveva preso atto che non sussistevano più le condizioni politiche per proseguire il suo mandato) ed era anche stato sospeso dal prefetto dal suo incarico.
Nel frattempo al Comune di Torre del Greco prosegue l'emorragia di politici: ultimo in ordine di tempo a lasciare e a rassegnare le dimissioni è stato stamane il consigliere comunale di Ncd, Nicola Donadio. Con Donadio salgono a 11 (su 24) i consiglieri comunali che hanno presentato le dimissioni nel corso di questa settimana. Con loro hanno deciso di rimettere il mandato anche il vicesindaco (che resta però in carica fino alla ratifica delle dimissioni stesse) e cinque assessori su sei. 
Borriello resta dunque in carcere, dove è detenuto dallo scorso 7 agosto. Quindi il primo cittadino, che aveva presentato le dimissioni prima della bufera giudiziaria, trascorrerà in cella i giorni che lo separano dall'addio definitivo alla fascia da sindaco. Pesanti le accuse contro di lui che secondo gli inquirenti avrebbe intascato ventimila euro al mese come compenso per avere estromesso l'impresa che aveva vinto la gara dei rifiuti per affidare la raccolta alla "ditta di casa".
11-08-2017 13:13:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO