MERCOLEDÌ 24 GENNAIO 2018
Il fatto

Spararono in un bar del lungomare di Castellammare, arrestati i Fontana

Colpirono Cavallaro, in manette Alfonso, Catello, Giovanni, Francesco e Ciro Fontana. Coinvolto anche Vincenzo Lucarelli e due minori

di redazione

Furono in otto a seminare il terrore sul lungomare di Castellammare. Dopo un anno finiscono nei guai. Arresti all'Acqua della Madonna, in manette cinque dei Fontana. Dovranno difendersi dalla pesante accusa di lesioni gravissime. Nell'operazione di questa mattina eseguita dagli agenti del commissariato stabiese, guidati dal dirigente Paolo Esposito, in cella Alfonso Fontana, appena diciannovenne, Catello Fontana 52 anni, Giovanni Fontana 51 anni, Vincenzo Lucarelli 19 anni, Francesco Fontana 50 anni, Ciro Fontana 25 anni e due ragazzini. Sono tutti accusati di tentato omicidio e porto d'armi abusivo. Avrebbero fatto parte, a vario titolo, del raid in cui a dicembre 2016, poco prima di Natale, venne sparato Gaetano Cavallaro in un bar sul lungomare. Il ragazzo di Scanzano, allora diciannovenne, fu colpito ad una gamba e ad un'anca da un uomo entrato nel locale a volto coperto. Fuggito il commando, la vittima venne portata da alcuni testimoni al pronto soccorso. I Fasano hanno il loro quartiere generale all'Acqua della Madonna. Si tratta ora di capire se ci fossero collegamenti tra quest'episodio e l'omicidio di Antonio Fontana, detto o Fasano, ucciso ad Agerola nel luglio scorso. Un'operazione importante quella di oggi per fare chiarezza su una serie di fatti di sangue avvenuti negli ultimi due anni.

12-01-2018 11:10:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO