GIOVEDÌ 25 APRILE 2019
La tragedia

Strangola la moglie e poi si uccide, la donna lo aveva denunciato

Antonio Topa, 51 anni e Immacolata Stabile, 48 anni, ritrovati dai figli

di redazione

Lo aveva denunciato. Poi era tornata sui suoi passi dopo solo due settimane. Aveva continuato a vivere con il marito e i due figli, fino a quando stanotte lui l'ha uccisa. Quando i figli sono tornati a casa hanno trovato la mamma in camera da letto senza vita, morto anche il padre che si è impiccato dopo l'omicidio della donna. Antonio Topa, 51 anni, avrebbe ucciso la moglie al culmine di un violento litigio, forse scoppiato per motivi passionali. Il corpo di Immacolata Stabile, 48 anni, era in camera da letto: è qui che si è consumata la prima parte della tragedia, con il marito che ha strangolato a mani nude la sua vittima. L'uomo ha poi preso un laccio, l'ha legato ad un solaio dell'abitazione e si è impiccato. Il dramma a San Marcellino nel casertano, dove la coppia viveva con i due figli alle prese con difficoltà economiche legate al lavoro saltuario di lui. Sotto shock il figlio e la figlia della coppia, entrambi maggiorenni, che questa notte intorno alle 3 sono rincasati trovandosi dinanzi la terribile scena. Con l'aiuto di un vicino i due ragazzi hanno chiamato i carabinieri e il 118. Una famiglia distrutta e due figli restati soli a fare i conti con il dramma che li ha travolti. 

23-07-2018 14:33:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO