DOMENICA 18 AGOSTO 2019
Castellammare

Tassa rifiuti, in aula le nuove tariffe. Il vicesindaco Di Martino: "Sollievo per le famiglie, più basse del 10%"

A fine aprile la scadenza delle prima rata, tempo fine ad ottobre per pagare i tributi sull'immondizia

di redazione
Tassa rifiuti, in aula le nuove tariffe. Il vicesindaco Di Martino:

Arriva un primo sconto sulla Tassa rifiuti. Per quest’anno le famiglie stabiesi pagheranno il 10% in meno rispetto al 2016. Ci si lascia alle spalle l’anno nero per la stangata sui tributi da versare nelle casse del comune. Una stangata dovuta al dissesto e al costo alto del servizio che ricade sulle spalle dei cittadini. Ma il peggio è passato, da quest’anno si comincia a pagare di meno. Le nuove tariffe arriveranno in consiglio comunale giovedì. “Pagare tutti per pagare meno è stato sin da subito il nostro obiettivo” spiega il vicesindaco Andrea Di Martino che si occupa del bilancio e dei tributi. “Questo risultato è stato possibile per due fattori. Da un lato abbiamo scoperto ‘i fantasmi’ delle tasse, aumentando così il numero di chi contribuisce. Dall’altro con l’assessore Francesco Balestrieri lavoriamo ad una riduzione del costo del servizio”. Un lavoro di squadra dell’amministrazione Pannullo che darà i suoi effetti anche l’anno prossimo assicura Di Martino: “Continueremo in questa direzione, aspettiamo anche i dati dell’elusione. Stiamo preparando la mappa aggiornata di chi ha sempre dichiarato meno di quanto avrebbe dovuto. L’anno prossimo quindi la Tari sarà ancora più bassa”. Nel frattempo avendo l’amministrazione Pannullo approvato il bilancio a dicembre, nelle case degli stabiesi ad inizio aprile arriveranno i bollettini con le quattro rate da pagare. Si comincia con la prima scadenza il 30 aprile e si finisce con l’ultima rata a fine ottobre. “Naturalmente anche quest’anno ci saranno le agevolazioni per chi è in difficoltà. In un periodo di crisi come quello che viviamo stiamo facendo il massimo per pesare meno sul bilancio delle famiglie stabiesi” conclude il vicesindaco. 

28-03-2017 12:51:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO