DOMENICA 16 GIUGNO 2019
Malasanità

Ticket esenzione: situazione da terzo mondo all'Asl Napoli 3

Attesa di ore, file e disservizi per anziani e ammalati, 300 persone in attesa di un servizio erogato solo ai 50 più fortunati.

di Luca Olivetti
Ticket esenzione: situazione da terzo mondo all'Asl Napoli 3

Storie di straordinaria arroganza, ma anche storie ordinaria rassegnazione quella che anziani e ammalati sono costretti a vivere all'Asl Napoli 3 per ottenere il ticket di esenzione, che visto il livello medio delle pensioni e il caro medicinali, e per molte persone un servizio "vitale".

Foto e video fatti oggi, documetano meglio di qualsiasi parola disservizi, prepotenze e arroganze che vivono sulla loro pelle, quotidianamente, negli uffici dell'Asl, le persone che si recano per ottenere un loro diritto.

Attese di ore per sentirsi dire di ritornare, almeno 300 persone che non sono nella condizione di recarsi negli uffici che mandano parenti o amici che a loro volta dopo la solita lunghissima fila e dopo aver ritirato i documenti da far firmare (badate bene dopo aver dimostrato l'impossibilità dell'assistito a recarsi di persona), si sentono dire che al ritorno dovranno rifare la fila e comunque portare in sede l'interessato, gruppi di volontari impotenti difronte all'arroganza dil sistema che invece agevola chi ha la "conoscenza" dall'interno, dove chi dovrebbe spiegare non lo fa, dove chi dovrebbe capire problemi ed esigenze dei più deboli si comporta nel più cinico dei modi. E solo i 50 più "fortunati" si vedranno erogare il servizio.

Sono queste le scene che si stanno vivendo in questi giorni nelle nostre Asl.

Eppure nel nostro paese, la voce sanità è quella più alta nel bilancio dello Stato, un settore che lo stesso Cantone non più tardi di ieri senza mezzi termini lo ha definito "un terreno di scorribande da parte di delinquenti di ogni risma".
Una sanità che va di male in peggio, e che invece di essere un diritto appare agli occhi di molti un lusso per pochi.
 

07-04-2016 17:03:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO