DOMENICA 22 SETTEMBRE 2019
Sorrento

Travolse una donna che attraversava sulle strisce, agli arresti domiciliari il giovane motociclista

Accusato di omicidio stradale, aveva già provocato un altro incidente da ubriaco. Gea Ferola morì dopo 45 giorni di agonia

di redazione
Travolse una donna che attraversava sulle strisce, agli arresti domiciliari il giovane motociclista

Era drogato, ha sorpassato a destra con il suo scooter, correva e ha travolto Gea Ferola. Un incidente dal quale la donna di 45 anni non si è più ripresa. Da ieri è agli arresti domiciliari  il giovane ventenne che il 30 luglio ha investito la donna mentre attraversava sulle strisce pedonali. Ad emettere l'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di R.C. accusato di omicidio stradale è stata la Procura di Torre Annunziata. Gravi le accuse a suo carico rispetto alla ricostruzione dell'incidente che gli inquirenti hanno effettuato visionando le immagini del sistema di videosorveglianza. Il ragazzo risultato positivo ai test tossicologici, corrava quando sorpassando a destra è andato a sbattare contro un'auto prima di finire addosso alla donna che non ha fatto in tempo ad accorgersi di quanto stava accadendo. A rendere ancora più difficile la situazione del ragazzo c'è un altro incidente spuntato dal suo recente passato mentre era ubriaco. Ai domiciliari da ieri il ragazzo dovrà difendersi da accuse pesanti, oltre a portare con sè il ricordo della tragedia che ha tolto una madre ai suoi tre figli. La donna morta a 45 anni dopo dieci giorni di agonia era mamma di due ragazzine e un maschietto più piccolo. Il marito ha un ristorante a Marina Grande a conduzione familiare, spesso era lei solare e sorridente ad accogliere i clienti. Questo fino alla tragedia del 30 luglio che ha distrutto la sua famiglia e anche la vita del giovane ventenne accusato di omicidio stradale. 

 

28-09-2016 19:29:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO