MERCOLEDÌ 19 GIUGNO 2019
Il ricordo

Troisi 25 anni dopo, un sogno che continua

Tra i grandi artisti della tradizione napoletana

di Annalibera Di Martino
Troisi 25 anni dopo, un sogno che continua
Troisi, 25 anni dopo. Il ragazzo gentile della porta affianco continua a far sognare tutti. Sarebbe riduttivo pensare a Massimo Troisi solo come un Postino o come Gaetano di “Ricomincio da Tre” perché è stato molto di più. Il giovane ragazzo dalla faccia pulita di San Giorgio a Cremano è stato un artista a 360 gradi capace di descrivere la vita quotidiana con lirismo e romanticismo. I suoi personaggi semplici, dal teatro con Enzo De Caro e Lello Arena, fino al grande schermo tra gli anni ‘70 e ‘80 con film di ogni tipo, hanno dato forma ad un artista completo, che non si è mai risparmiato sul palcoscenico. La grandezza di Troisi risiedeva nel suo essere diretto e genuino, facendo la cosa più difficile del mondo: cercare di assomigliare al suo pubblico, anzi essere proprio così. La grandezza e lo spessore del teatro appariva su un volto nuovo, uguale al vicino di casa, in sintesi un uomo pieno di problemi, insomma l’italiano medio, anzi, il napoletano della porta accanto. Affiancando grandi nomi del cinema come Marcello Mastroianni e Maria Grazia Cucinotta ha segnato la costellazione napoletana dei grandi artisti lasciando una traccia del suo passaggio indelebile. Ha saputo portare con maestria il dramma e la comicità teatrale davanti alla cinepresa senza mai scolorire, senza mettere da parte la recitazione da proscenio, muovendosi nello spazio piccolo dell’inquadratura da set come i più grandi professionisti del teatro. Registi incommensurabili l’hanno voluto per i propri film, come Ettore Scola e Roberto Benigni, per non parlare del coproduzioni, la più celebre con Michael Radford per “Il Postino”. Massimo Troisi ha segnato un’epoca, insieme all’amico Pino Daniele, ma soprattutto ha insegnato a chi cercava di diventare attore che per fare questo mestiere non si diventa personaggio ma ci si nasce.
04-06-2019 10:25:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO