LUNEDÌ 19 NOVEMBRE 2018
L'inchiesta

Una ragazzina finisce in una rete di pedofili, 21 indagati dalle province di Salerno e Napoli al Trentino

Sequestrati telefoni e pc, la vittima ospite di una casa famiglia nel salernitano

di redazione
Una ragazzina di una casa famiglia diventa la vittima di una rete di pedofili che l'hanno adescata in una chat. Prima un ragazzo e poi un gruppo sempre più ampio che l'ha convinta a prestazioni sessuali in cambio di piccoli regali. Tutto è cominciato in provincia di Salerno, poi si sono aggiunti uomini dei comuni del Napoletano fino a che la rete non si è estesa al resto d'Italia. Produzione, detenzione di materiale pedopornografico e prostituzione minorile: la Procura di Salerno ha disposto ventuno decreti di perquisizione personale, domiciliare e informatica nei confronti di altrettante persone, denunciate per gli stessi reati in tutta Italia. 
L'operazione, che ha interessato le province di Salerno e Napoli, oltre che la Sardegna, la Lombardia, la Calabria e il Trentino Alto Adige ha visto impegnati 100 operatori della polizia postale coordinati dal Centro Nazionale di contrasto alla pedopornografia on line del servizio Polizia delle Comunicazioni di Roma. Durante le perquisizioni gli agenti hanno sequestrato 19 telefoni cellulari e un pc che saranno analizzati per scoprire eventuali condivisioni con l'esterno del materiale.
Le indagini sono scattate dopo che il Tribunale per i minori di Salerno ha segnalato la presenza di un profilo Facebook - in uso a una minore salernitana - contenente immagini di natura pedopornografica. Gli operatori della polizia postale di Salerno, con il supporto dei colleghi dei compartimenti Campania, Sardegna, Trentino Alto Adige e Lombardia hanno passato al setaccio il web, scoprendo l'esistenza di un gruppo che, attraverso le chat di Messanger e di WhatsApp, avevano adescato la vittima per produrre materiale pedopornografico. La giovane, ospite di una casa famiglia del Salernitano, inizialmente era entrata in contatto solamente con uno dei ragazzi del gruppo, ma con il passare del tempo e attraverso la rete, il gruppo si era allargato. Gli accertamenti hanno permesso di appurare che, oltre allo scambio di materiale, sarebbero state contrattate anche prestazioni sessuali in cambio di piccoli regali.
10-07-2018 19:02:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO