LUNEDÌ 10 DICEMBRE 2018

Con la moto sulle macerie per portare cibo e medicine ai terremotati isolati, lo stabiese Ugo Filosa: "Ci chiamavano angeli a due ruote"

Partito da Castellammare, è stato quattro giorni ad Amatrice: "Ho visto persone scavare a mani nude"

Ha portato sulla sua moto i medici da malati isolati, irraggiungibili per le ambulanze. Cibo e medicine a chi era circondato solo da macerie. Per quattro giorni Ugo Filosa non si è mai fermato. “In quei momenti non ti viene la stanchezza, vedi le persone che scavano a mani nude per salvare parenti sotto le pietre e capisci che non puoi fermarti”. E’



continua la lettura

LASCIA UN COMMENTO

ALTRI VIDEO