MERCOLEDÌ 19 GENNAIO 2022




La tragedia

A Palinuro è il tempo del dolore, per i tre sub ancora dispersi si è spenta la speranza

Ancora increduli i tanti che li conoscevano: "Erano esperti, conoscevano i segreti del mare"

di Redazione
 A Palinuro è il tempo del dolore, per i tre sub ancora dispersi si è spenta la speranza

Il tempo trascorre lentissimo. Da quando dei tre sub si sono perse le tracce ieri mattina per familiari e amici è cominciata l’attesa. Fatta di annunci e smentite. Dolore, incredulità, attesa. É l'incubo nel quale è piombata Palinuro da più di 24 ore, da quando Mauro Cammardella, Mauro Trancredi e Silvio Anzola si sono immersi nelle acque di Cala del Ribatto senza più riemergere.  Dopo una notte intensa di ricerche con esito negativo sono svanite le ultime possibilità di ritrovarli in vita. Sono in corso ancora ispezioni in zone e grotte più nascoste. In arrivo nel porto turistico di Palinuro una camera iperbarica per fronteggiare i rischi legati ad un'eventuale embolia dei sommozzatori dei vigili del fuoco impegnati nelle ricerche dei tre sub scomparsi.
L'utilizzazione della struttura è stata sollecitata dalla Capitaneria di Porto di Palinuro.  Nei bar, nelle piazze, per strada non si parla di altro, e la domanda è sempre la stessa: perché a tre sub così esperti? "Quei fondali sono maledetti - dice Gerarda Forte, titolare di un ristorante a pochi metri dal mare - ogni volta ci troviamo a piangere qualcuno. E' come se la natura si ribellasse alle sfide dell'uomo". "Conoscevo Mauro Cammardella e Mauro Trancredi - prosegue la donna - erano delle persone eccezionali e conoscevano il mare. E' terribile pensare a quanto sta accadendo".
C'è dolore, ma anche incredulità nella gente di Palinuro.
"Sono sotto choc - dice Antonio, appassionato di pesca subacquea - erano tre sub provetti, e soprattutto Mauro Cammaredella conosceva i nostri fondali palmo a palmo. Non mi spiego cosa possa essere accaduto?" "Sono tanti anni che tragedie come questa si ripetono - conclude un pescatore del posto - Ci abbiamo fatto l'abitudine.
Il mare dà, il mare toglie, ed è triste".

 

20-08-2016 16:32:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA