MERCOLEDÌ 25 MAGGIO 2022




Il fatto

A capo del clan, Gemma Donnarumma esce dal carcere

Torna a Torre Annunziata la moglie del boss Valentino Gionta

di Redazione
A capo del clan, Gemma Donnarumma esce dal carcere

Per tutti è un capo clan. La donna che guida una delle cosche più feroci e potenti della Campania è tornata a casa. Gemma Donnarumma è di nuovo a Torre Annunziata, dopo oltre 13 anni di carcere.

Ha finito di scontare la sua pena la moglie del boss Valentino Gionta. A 68 anni e con problemi di salute, nel 2020 fu sottoposta a un intervento chirurgico. Ha scontato gli ultimi anni di carcere a Lecce.

Quando era in libertà ha gestito gli affari del clan mentre il boss era in carcere. Ha sostituito il marito detenuto nelle decisioni più importanti, che riguardavano la cosca di Palazzo Fienga. Insieme al marito, dal quale ha avuto tre figli, Aldo, Teresa e Pasquale, ha gestito il clan.

Una cupola a impronta familiare la cui storia è iniziata alla fine degli anni Settanta con il contrabbando degli “scafi blu”, ma che ha avuto la sua sublimazione quando alla ribalta arrivò Raffaele Cutolo. I Gionta facevano parte della cosiddetta Nuova Famiglia, insieme ai D’Alessandro, i Giuliano, i Moccia e al boss Carmine Alfieri. Il cartello, la guerra con Cutolo, la vinse.


Per ricevere le notizie direttamente su WhatsApp, memorizza il numero 327 982 50 60 e invia il messaggio "START" per procedere

30-04-2022 19:33:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA