DOMENICA 23 FEBBRAIO 2020
Il fatto

A Castellammare attivata la griglia anti-disastro, il sindaco Cimmino: "Gli stabiesi non possono pagare per le inadempienze degli altri"

Chiesto l'intervento in Prefettura, il primo cittadino: "Nei prossimi giorni presenterò la denuncia in Procura"

di redazione
A Castellammare attivata la griglia anti-disastro, il sindaco Cimmino:

Una montagna di rifiuti diretti al mare. Attivata la grata per bloccare l'immondizia accumulata sugli argini del fiume Sarno. Dopo quasi ventiquattro ore di lavori riattivato il meccanismo che dovrebbe evitare il disastro ambientale. Scattato, quindi, il piano di emergenza pensato per impedire alle tonnellate di plastica bloccate alle Foce di finire in mare. Ma ora il sindaco Cimmino chiede il conto alle altre istituzioni scrivendo sulla sua pagina Fb: "Castellammare non può pagare un prezzo così alto per le inadempienze altrui. Mi attiverò presso la Prefettura affinché prenda posizione su questa assurda vicenda e nei prossimi giorni depositerò la denuncia in Procura perché la città pretende chiarezza e noi abbiamo il dovere di tutelare il nostro territorio in tutte le sedi opportune". Grazie all'impiego di un nuovo gruppo elettrogeno in sostituzione di quello precedente, che andrà revisionato, la griglia per rifiuti inquinanti è stata riattivata.
Quest'ultima consentirà di agevolare le operazioni di pulizia sul letto del fiume Sarno, dove da ieri un cumulo di plastica e rifiuti, trascinato dalla corrente, si è depositato in prossimità di un tronco caduto perpendicolarmente al flusso del fiume, che ha impedito che i materiali defluissero verso il mare.
La griglia consiste in un sistema di pettini che avvicinano i macroinquinanti e li sollevano per impedire che percorrano la corrente del Sarno fino alla foce. Gli assessori Gianpaolo Scafarto e Fulvio Calì sin dalle prime ore dell'alba si sono recati sul posto per monitorare le operazioni.
Le attività di rimozione del materiale sono tuttora in corso e l'amministrazione Cimmino chiede il conto alle altre istituzioni. 

04-11-2018 16:11:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO