MERCOLEDÌ 26 FEBBRAIO 2020
Il caso

A Castellammare in Villa Comunale raid di teppisti e compaiono scritte contro la polizia: aperta un'inchiesta

Il sindaco Cimmino su Fb: "Con le telecamere incastriamo gli autori di queste barbarie"

di redazione
A Castellammare in Villa Comunale raid di teppisti e compaiono scritte contro la polizia: aperta un'inchiesta

Sulle panchine in Villa Comunale scritte con la pittura spray. Messaggi di insulti contro le forze dell'ordine, una serie di scritte di intimidazione che appaiono contemporaneamente sul lungomare ma anche nei quartieri di periferia. "ACAB" è la trudizione abbreviata in inglese di "all cops are bastard" e cioè tutti i poliziotti sono bastardi. Un modo di intendere una rivolta nei confronti delle forze dell'ordine che in questi ultimi mesi hanno assicurato alla giustizia molti giovanissimi teppisti colpevoli di raid e violenze, come racconta oggi il quotidiano Metropolis. In un post su Fb interviene il sindaco Gaetano Cimmino che assicura il ricorso alle immagini della videosorveglianza per incastrare i colpevoli di raid vandalici in Villa comunale: "Ancora atti vandalici in villa comunale. Dopo gli irrigatori manomessi, sono stati rinvenuti alcuni arbusti spezzati e scritte ingiuriose contro le forze dell'ordine sulle panchine. Rinnovo pertanto l'invito ai cittadini a tutelare un bene pubblico che deve costituire il nostro ideale biglietto da visita per accogliere i flussi turistici sul territorio". Questa la descrizione di quanto avviene, poi: "Nello stesso tempo, però, con l'ausilio delle forze dell'ordine provvederemo a visionare i filmati delle telecamere di videosorveglianza per provare ad identificare e punire gli autori di queste barbarie".

06-08-2018 19:02:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO