GIOVEDÌ 28 OTTOBRE 2021




La tragedia

Addio Ginevra, folla circonda la mamma ai funerali della bimba lanciata dal balcone

Alla cerimonia a San Gennaro cancellato anche il cognome del padre

di Redazione
Addio Ginevra, folla circonda la mamma ai funerali della bimba lanciata dal balcone

La mamma segue impietrita il feretro della sua bambina. È circondata da una folla sterminata che questa mattina si è ritrovata a San Gennaro Vesuviano per dire addio alla piccola Ginevra. Morta a sedici mesi per il folle gesto del padre che l'ha lanciata dal secondo piano della casa dei suoceri. In migliaia davanti alla chiesa dei Santi Gioacchino e Anna nel comune del Vesuviano dove molti conoscevano i nonni della bimba dal tragico destino e pochi il padre Salvatore Narciso. Quell'uomo definito "un mostro" di cui alle esequie si è voluto cancellare ogni traccia a cominciare dal cognome che ha in comune con la sua vittima. Tutto il paese, questa mattina, si è voluto stringere intorno alla famiglia della bimba: fiori bianchi hanno accolto l'arrivo della piccola bara in chiesa. In tantissimi sono rimasti fuori riempiendo il sagrato in un silenzio fatto di rabbia e commozione. Alla fine della funzione, all'uscita della bara dalla chiesa, tantissime persone si sono affollate intorno al feretro, accompagnandone il passaggio. Le esequie sono state annunciate dalla madre e dalla famiglia della bimba: su di essi si è scelto intenzionalmente di non fare menzione del padre, a partire dal cognome della piccola, che non compare. Salvatore Narciso nel frattempo è ancora ricoverato al Cardarelli per le conseguenze del tentativo di suicidio dopo avere gettato giù la bambina. Un gesto folle e crudele che ha distrutto una famiglia e lasciato attonita un'intera città che oggi ha detto addio a Ginevra, la bimba a cui è stato negato il futuro.

18-07-2019 11:25:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA