SABATO 04 DICEMBRE 2021




La tragedia

Addio Giuseppe, ai funerali a Pompei la madre esce da un'uscita secondaria e scortata

Momenti di tensione con i parenti del padre del bimbo ucciso del convivente della mamma

di Redazione
Addio Giuseppe, ai funerali a Pompei la madre esce da un'uscita secondaria e scortata

Valentina Casa arriva a Pompei per dire addio a Giuseppe, il figlio ucciso a botte dal suo compagno. All'ingresso della piccola bara nella chiesa dei parenti del padre del bimbo di sette anni, l'hanno insultata e hanno provato ad aggredirla, ma sono stati allontanati dalle forze dell'ordine. Il rito funebre del bimbo è avvenuto a Pompei, come aveva chiesto il papà Felice Dorice. I due, separati da tempo, si sono seduti lontano e non si sono rivolti neanche uno sguardo mentre l'arcivescovo Tommaso Caputo si rivolgeva direttamente al bimbo massacrato di botte e lasciato morire su un divano dopo un'agonia di ore: "Caro Giuseppe, anche un sacerdote può non avere le parole". Poi la mamma ha lasciato la chiesa San Giuseppe Sposo della Beata Vergine da un ingresso secondario, e senza assistere all'uscita del feretro del bimbo ucciso dal suo convivente, Tony Essobti Badre, in carcere per omicidio aggravato. Sorretta da due donne si è alzata dalla seconda fila dove ha assistito al rito funebre e si è diretta verso la sagrestia passando dietro l'altare. Dopo un quarto d'ora e quando l'area esterna si era decisamente sfollata, è stata fatta uscire scortata e ha lasciato la chiesa in auto.
Un lungo applauso invece ha salutato l'uscita della bara bianca che portava su un lato la foto del piccolo Giuseppe. Un volo di palloncini bianchi all'esterno della chiesa e il lancio di confetti ha salutato il feretro, tra le lacrime commosse di tanta gente.

02-02-2019 17:41:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA