VENERDÌ 03 FEBBRAIO 2023




Il fatto

Aggressione razzista a Napoli, picchiato calciatore del Gragnano

La testimonianza di Amir Gassama: "Ho avuto un po' paura, ma so che qui non sono tutti così"

di Redazione
Aggressione razzista a Napoli, picchiato calciatore del Gragnano

Accerchiato ed aggredito. Lo circondano in tanti e lo picchiano selvaggiamente. Momenti di puro terrore, nel tardo pomeriggio di ieri, per Amir Gassama, giovane calciatore del Gragnano originario della Guinea. Alcuni ragazzi lo hanno avvicinato in piazza Carlo III e senza alcuna ragione hanno cominciato a colpirlo. Un pugno in pieno volto, un calcio allo stomaco. Poi tutti contro di lui a massacrarlo di notte. Un raid razzista. "Non so perché lo hanno fatto - spiega l’attaccante - ricordo di aver avuto la forza di chiamare babbo e di chiedergli aiuto. Poi sono riuscito a liberarmi e sono scappato".  Non ha riportato gravi conseguenze Gassama, che in estate è stato anche in prova con la Primavera del Napoli. «Non ho avuto paura. Anzi sì, un pochino in realtà ne ho avuta. Lo so che a Napoli non sono tutti così. Ma non capisco perché mi è successo tutto questo». A raccontare la brutta storia capitata all'attaccante del Gragnano, compagine che milita nel campionato di serie D, è stato il tecnico della formazione gialloblù, Rosario Campana: “Mio figlio Amir aggredito e picchiato nei pressi di piazza Carlo III da un gruppo di ragazzi solo perché è di pelle nera. Non esiste ragazzo più buono di mio figlio, luridi porci renderete con a Dio. A noi non ci togliete mai il sorriso". Aperta un'inchiesta per incastrare la banda che ha compiuto il pestaggio.
Per ricevere le notizie direttamente su WhatsApp, memorizza il numero 327 982 50 60 e invia il messaggio "START" per procedere

23-11-2018 01:36:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA