MARTEDÌ 30 NOVEMBRE 2021




Il personaggio

Alessandro Gassman napoletano onorario, l'attore: "Un giorno indimenticabile"

Consegnata una pergamena e una medaglia per la serie i "Bastardi di Pizzofalcone"

di Redazione
Alessandro Gassman napoletano onorario, l'attore:

''Un giorno indimenticabile. Grazie''. Queste le parole che Alessandro Gassmann ha inciso per sempre nel libro d'onore del Comune di Napoli nel giorno in cui è diventato ufficialmente cittadino napoletano. A lui il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ha consegnato la pergamena che ufficializza l'atto, la targa e la medaglia della città. Una decisione che il primo cittadino ha sottolineato non è stata presa ''con superficialità o per opportunismi ma perché Alessandro Gassmann si è calato nel corpo di Napoli, si è contaminato con le persone e con i vicoli e non ha mai giudicato e da oggi la sua storia e la sua cultura saranno per sempre legate a Napoli di cui sarà ambasciatore nel mondo''.
Un legame quello tra Gassmann e la città di Napoli che è nato e si è saldato nei lunghi mesi che l'attore ha trascorso in città, vivendo nel centro storico, per girare le due serie televisive de 'I Bastardi di Pizzofalcone' tratte dagli omonimi romanzi di Maurizio De Giovanni. Una città che - ha affermato Gassmann nel corso della cerimonia - ''conoscevo solo in modo superficiale per motivi teatrali venendo qui a rappresentare gli spettacoli e che invece è diventata una grandissima novità nella mia vita. Girare 'I Bastardi' è stato un viaggio straordinario, un'esperienza di conoscenza''.
L'attore, che nella serie ha dato volto e anima all'ispettore Giuseppe Lojacono, ha sottolineato l'aspetto ''vitale e umano'' di Napoli, l'energia della città ''che avete la capacità di passare a chi vi frequenta. Venendo qui - ha aggiunto - temevo di non avere i miei silenzi e le mie pause e invece ho assorbito energia''. Gassmann ha evidenziato la capacità di Napoli di saper reagire alle difficoltà ed ha affermato che ''in questo momento Napoli è il posto giusto in cui stare ed è città da assumere ad esempio nazionale per la sua capacità di aprirsi che le deriva dall'essere città di mare ma soprattutto città di grande e straordinaria cultura''.
Alla cerimonia hanno partecipato anche l'assessore alla Cultura Nino Daniele e lo scrittore Maurizio De Giovanni che ha evidenziato come ''il riconoscimento a Gassmann è il riconoscimento di uno stato di fatto perché Alessandro è napoletano, non lo diventa oggi perché lo è dalla nascita, ha una sintonia ancestrale con la città. Lui respira, legge, interpreta da napoletano''.

17-12-2018 19:50:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA