GIOVEDÌ 01 DICEMBRE 2022




Scafati

Aliberti molla. Accusato di voto di scambio con la camorra, il sindaco annuncia su Fb: "Mi dimetto"

In arrivo il commissario prefettizio, si torna a votare in primavera

di Redazione
Aliberti molla. Accusato di voto di scambio con la camorra, il sindaco annuncia su Fb:

L’ha annunciato su Fb. Aliberti si dimette, Scafati non ha più un sindaco. Arriva il commissario fino alle prossime amministrative di primavera. Una mossa obbligata dopo che il Tribunale del Riesame di Salerno ha accolto il ricorso della Procura Antimafia salernitana, disponendo nei giorni scorsi l’arresto per il sindaco. Il politico di Forza Italia, marito del consigliere regionale Monica Paolino, è accusato di violazione della legge elettorale, con l'aggravante del metodo mafioso rispetto alla sua campagna elettorale del 2013 e di voto di scambio politico-mafioso, in occasione delle elezioni regionali del 2015 quelle in cui a vincere è stata la moglie. Aliberti per il momento resta libero, in attesa del pronunciamento della Corte di Cassazione.
"Dopo aver preso atto della decisione del Tribunale del Riesame, pur ribadendo la mia completa estraneità rispetto ai fatti che mi vengono contestati - scrive Aliberti sul suo profilo Fb - ritengo doveroso, per correttezza e rispetto delle istituzioni e nell'interesse della città e dei cittadini tutti, fare un passo indietro e lasciare ogni impegno politico, per cui presento le mie irrevocabili dimissioni dalla carica di sindaco". Aliberti conclude dicendo "grazie a tutti per l'affetto e la vicinanza umana di questi giorni". Secondo il sostituto procuratore della Direzione Distrettuale Antimafia, Vincenzo Montemurro, Aliberti avrebbe beneficiato dei voti della camorra non soltanto per l'ultima tornata amministrativa, ma anche per la precedente nel 2008, e poi per le provinciali del 2011. Aliberti, sempre secondo gli inquirenti, avrebbe usato voti inquinati e controllati appoggiandosi ai clan che si sono alternati nel corso degli anni nel controllo degli affari illeciti nella zona al confine tra le province di Napoli e Salerno. Accuse pesanti che determinano l’uscita di scena dalla politica salernitana, una bufera giudiziaria che potrebbe portarsi appresso anche la moglie.  


Per ricevere le notizie direttamente su WhatsApp, memorizza il numero 327 982 50 60 e invia il messaggio "START" per procedere

28-11-2016 19:03:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA