LUNEDÌ 24 GENNAIO 2022




Calcio

Allegri lascia la Juventus e da il via al valzer delle panchine

Il tecnico toscano paga per la Champions mancata ma anche per il suo modulo di gioco

di Redazione
Allegri lascia la Juventus e da il via al valzer delle panchine

Dopo i rumors che si sono succeduti sempre più frequenti negli ultimi 15 giorni e dopo più incontri, le strade di Allegri e della Juventus si sono separate ieri alle 13, quando la società bianconera ha diffuso un comunicato a firma di Andra Agnelli in cui si dava notizia del divorzio, niente di più di è saputo sulle motivazioni che hanno spinto il management juventino a tale scelta e neppure la conferenza di oggi ha chiarito i particolari.
Certo Max Allegri paga per la Championa mancata, forse per il modulo di gioco che poco concede allo spettacolo, forse per una rivoluzione tecnica che chiedeva visto il deteriorarsi dei rapporti con alcuni calciatori e il feeling mai nato con Cristiano Ronaldo, ma resta il fatto che in 5 anni oltre a diventare uno degli allenatori più longevi della storia del club, il tecnico toscano ha portato a casa 5 scudetti 4 coppe italia 2 supercoppe italiane e due finali (perse) in Champions.
Ora con l'uscita di scena di Allegri si apre un valzer sulle panchine che fino a qualche giorno fa era inimmaginabile.
Quale sarà il prossimo allenatore della Juventus?
Molte strade portano a Antonio Conte fino a ieri in parola con Marotta per sedere sulla panchina dell'Inter ma che piace a parte dello staff tecnico bianconero.
C'è invece chi ipotizza un allenatore diverso dall'ex ct azzurro.
Per ora si è chiamato fuori Pep Guardiaola che non ha nessuna intenzione di lasciare l'Inghilterra e il City, mentre dalla terra di Albione prende corpo la suggestione Sarri che dovrebbe lasciare il Chelsea ma che è in parola con la Roma.
Fabio Caressa parla di possibile panchina bianconera affidata a De Zerbi ma in molti pensano che difficilmente Andrea Agnelli si affiderà a un allenatore giovane e con poca esperienza in campo internazionale.
Piace Pochettino attuale allenatore del Tottenham finalista di Champions ma costa e ha una clausa di svincolo da 20 milioni e ci sarebbe Deshamps che ha già allenato la Juve ai tempi della Serie B, ma l'attuale ct della nazionale francese è sotto contratto con la federzione transalpina fino al 2020 anno dell'europeo.
Infine chiudono la lista due possibili outsider Eusebio Di Francesco in cerca di riscatto dopo l'esonero romanistra e Simone Inzaghi che dopo aver fatto bene con la Lazio potrebbe rappresentare il profilo giusto per il nuovo corso juventino.






 

18-05-2019 16:37:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA