MERCOLEDÌ 08 FEBBRAIO 2023




Il fatto

Baby gang di quattordicenni pesta ragazzina nel salernitano, video virale

Il raid a Nocera Inferiore, le immagini su Telegram

di Redazione
Baby gang di quattordicenni pesta ragazzina nel salernitano, video virale

Baby-gang al femminile in azione a Nocera Inferiore. Nel salernitano quattordicenni hanno pestano selvaggiamente una ragazzina di due anni più grande. Calci e botte mentre la vittima era rannicchiata a terra provando a proteggersi. 

Tutto ripreso con uno smartphone in un video diventato in poche ore virale e finito anche sulla pagina facebook del consigliere regionale della Campania Francesco Emilio Borrelli (Europa Verde), che commenta: "Bisogna inverte la rotta di questa società che sta diventando la versione violenta e distopica di sé stessa".


 Nel video, che ha avuto un'ampia diffusione soprattutto dopo la pubblicazione nel canale Telegram "Emergenza Babygang", ci sono alcuni secondi del pestaggio: si vedono le tre ragazze aggredire una loro coetanea che, a terra, cerca di difendersi dai calci e dai pugni delle altre. I fatti si sarebbero verificati domenica nel centro della città. Le protagoniste della vicenda sarebbero già state identificate dalla polizia: le responsabili sarebbero tre quattordicenni, mentre la vittima (i cui genitori avrebbero presentato denuncia) è una sedicenne.
    "La violenza - commenta Borrelli - non conosce discriminazioni. Rende protagonisti persone di qualsiasi età, ceto sociale e sesso. Non è solo roba da banditi, può coinvolgere chiunque, anche delle ragazzine che a suon di calci, pugni, schiaffi e tirate di capelli fanno valere le loro ragioni, se così si può dire". Secondo il consigliere regionale, "innanzitutto è necessario individuare le protagoniste di questa indicibile violenza, punirle severamente ed agire anche sulle loro famiglie. Questo episodio è testimone di come la cultura dell'odio, della violenza e della sopraffazione stia dilagando inesorabilmente e rapidamente. Per contrastare questa avanzata, bisogna 'imporre', invece, la cultura della legalità, del rispetto e della civiltà che deve passare attraverso le famiglie innanzitutto, la scuola e le Istituzioni. Serve una completa sinergia per poter reindirizzare le cose sui giusti binari, prima che si arrivi all'irrimediabile".

 


Per ricevere le notizie direttamente su WhatsApp, memorizza il numero 327 982 50 60 e invia il messaggio "START" per procedere

07-07-2022 13:52:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA