LUNEDÌ 25 OTTOBRE 2021




Il caso

Bimba morta in piscina, è stata violentata e poi è annegata: sospettato un giovane romeno

Interrogato per una ventina di ore, il giovane ha detto di averla vista all'uscita della chiesa

di Redazione
Bimba morta in piscina, è stata violentata e poi è annegata: sospettato un giovane romeno

La bimba di dieci anni trovata morta in una piscina in provincia di Benevento è stata violentata ed è morta per asfissia da annegamento. E' l'esito dell'esame autoptico eseguito nel pomeriggio. Una tragedia che potrebbe avere anche già un colpevole. C'è un sospettato per la morte della piccola Maria trovata nuda in una piscina. Il giovane rumeno di 21 anni, ascoltato durante la notte alla presenza del suo legale in relazione alla morte della bimba di 10 anni, è stato iscritto nel registro degli indagati dal Procuratore della Repubblica di Benevento Giovanni Conzo. Le ipotesi di reato sono quelle di omicidio e violenza sessuale. Un atto dovuto per consentire la eventuale nomina di un consulente in vista dell'autopsia sul corpicino della bimba rinvenuta morta nella piscina di un resort a San Salvatore Telesino, in provincia di Benevento. Il giovane - secondo le indiscrezioni trapelate finora - ha confermato di conoscere la bambina e ha detto di averla vista la sera di domenica, prima che della piccola si perdessero le tracce, ma di averla lasciata nei pressi della chiesa di Santa Maria Assunta dove la bambina, che faceva la chierichetta, aveva detto ai genitori che si sarebbe recata per la processione del patrono. Il giovane avrebbe anche detto che dopo aver lasciato la bambina sarebbe andato da conoscenti fuori San Salvatore Telesino.
Oltre al giovane, gli investigatori hanno interrogato in tutto una quarantina di persone nel tentativo di ricostruire con la maggiore precisione possibile le ultime ore di vita della bambina.

 

21-06-2016 19:43:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA