SABATO 29 GENNAIO 2022




CORONAVIRUS

Boscoreale ai tempi del Coronavirus. Come avere il buono spesa alimentare

Eurofrutta regala 70 pacchi spesa, appello per il latte Aptamil-1

di Alina Cescofra
Boscoreale ai tempi del Coronavirus. Come avere il buono spesa alimentare

La terza settimana di quarantena, nonostante il cielo grigio, a Boscoreale è iniziata nel migliore dei modi. 

La donna anziana di Via Gramsci, che venerdì 28 venne ricoverata per accertamenti, è di ritorno a casa. Come comunicato ieri dal sindaco, Antonio Diplomatico, la donna è risultata negativa al tampone faringeo. I casi accertati di positività al Coronavirus restano 3, ma i sospetti salgono a 9.

L'amministrazione comunale ha comunicato alla cittadinanza che, così come per altri comuni, anche a Boscoreale verranno distribuiti a chi ha avuto difficoltà lavorative buoni per l'acquisto di generi alimentari finanziati dalla somma messa a disposizione dal Governo. Alla città guidata da Antonio Diplomatico sono stati destinati 282.254 euro. Gli interessati potranno presentare domanda di adesione all’iniziativa mediante invio della stessa, tramite e-mail, all'indirizzo di posta elettronica: [email protected] Oppure mediante Whats-App al seguente numero di telefono: 348.3883985. 

Il cittadino è tenuto, qualora inviasse il modulo via WhatsApp, ad inviare una foto chiara e leggibile sia dello stesso modulo che del documento di identità. Alla richiesta va allegata fotocopia di un documento di identità del richiedente, in corso di validità. Il modello di domanda è disponibile on-line sui siti istituzionali dei rispettivi Comuni dell’Ambito N 30 o cartaceo presso la sede dell’Ufficio di Piano dell’Ambito N 30, previo appuntamento telefonico al numero del Segretariato sociale: 0815358605.

Di particolare rilevanza l'appello del primo cittadino. "Chiedo ai commercianti di generi alimentari di accettare i buoni pasto che il Comune erogherà alle famiglie bisognose. Colgo l'occasione per chiedere un ribasso, dove possibile, dei prezzi visto il particolare momento di disagio". Un appello, quello del sindaco che va ad avvalorare ancora di più la rete di solidarietà che si sta allargando in città. 

La Parrocchia Immacolata Concezione, dalla sua pagina Facebook, fa sapere che la Caritas parrocchiale resta aperta per la distribuzione di beni di prima necessità, nei giorni di lunedì e venerdì dalle ore 16:30 alle ore 18:30. Questa mattina la ditta Eurofrutta di Carmela Carotenuto, in Via Sottotenente Ernesto Cirillo, ha donato 70 pacchi alimentari contenenti frutta e verdura. I pacchi sono stati consegnati a don Emilio Ventre, della parrocchia Sant'Anna a Pellegrini, che ha iniziato prontamente la distribuzione. Lo stesso Don Emilio, attraverso i suoi parrocchiani, utenti di Facebook, fa una richiesta di aiuto. “Per chi ha in cuore di donare, c’è una famiglia bisognosa di aiuto. La bambina di appena 2 mesi necessita di latte, nello specifico Aptamil 1. Purtroppo il capofamiglia è senza lavoro”.

Il lavoro dei vigili urbani, guidati dal Comandante Carmine Bucciero, è stato provvidenziale. 

Stamattina, per evitare assembramenti nei pressi dell'Ufficio Postale gli uomini di Bucciero, dotati dei dpi, hanno provveduto a distanziare le persone che attendevano il loro turno e hanno consegnato dei numeri di ingresso per evitare confusione. Non è mancata la presenza in strada dei Carabinieri, gli uomini del Comandante Massimo Serra hanno pattugliato le zone di confine. Dai social, però, emergono lamentele sulla presenza in strada in alcune zone di gruppi di persone che approfittano del momento della spesa per passeggiare come se fossero mattinate normali di giorni normali. Nonostante le difficoltà oggettive della situazione di emergenza, la speranza non va persa. Domani alle ore 12.00 anche il Comune di Boscoreale, osserverà un minuto di silenzio con la bandiera  a mezz’asta. “Per ricordare le vittime dell’epidemia, per onorare gli operatori sanitari, per darci reciproco sostegno e guardare al futuro con speranza”.

 

30-03-2020 19:02:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA