GIOVEDÌ 18 AGOSTO 2022




CORONAVIRUS

Boscoreale ai tempi del Coronavirus. Crescono i contagi, aiutate 143 famiglie

Nuovo caso in città, check-in della polizia municipale

di Alina Cescofra
Boscoreale ai tempi del Coronavirus. Crescono i contagi, aiutate 143 famiglie

Un nuovo caso di positività ha scosso Boscoreale. Sui risultati di 8 tamponi pervenuti solo uno ha riscontrato un’affezione al Covid-19. Si attendono, però, i risultati di altri tamponi già effettuati.

Stamattina a Boscoreale c’è stata qualche auto in più in strada, dovuta alla riscossione delle pensioni all'Ufficio Postale. Dai social si sollevano tante critiche, ma le forze dell’ordine sono più che presenti sul territorio. Le auto dei Carabinieri del comandante Massimo Serra pattugliano quotidianamente le strade, del centro e della periferia, con l’estensione del territorio di Boscoreale che non rende facile il compito. Stamattina la polizia municipale, guidata dal comandante Carmine Bucciero, ha effettuato dei check-point. nei pressi dell’ufficio postale, controllando anche le persone a piedi.

Dai gruppi social della città arrivano proposte improponibili, per svariati motivi, tra le quali quella di consegnare le pensioni a domicilio. Purtroppo la riscossione delle stesse è fondamentale per tantissimi anziani o disabili. Il disagio economico diventa sempre più evidente e con esso aumenta quello sociale. Si sottovaluta la paura che si ha di uscire anche solo per restare in fila alla Posta o nei pressi dei supermercati. La folla fa paura. Eppure, all’entrata di un supermercato in centro non sono mancati episodi spiacevoli. Membri della stessa famiglia entrano e fanno la spesa in coppia e peggio ancora è stata segnalata la presenza di una bambina in compagnia della nonna tra gli scaffali. 

Si parla di disagi negli adulti, ma per i bambini ed i ragazzi le cose non sono diverse. Dalla gioia iniziale ed inconsapevole, data dalla notizia della chiusura delle scuole, si sta passando alla noia ed all’insofferenza. Il tempo trascorso in casa è tanto, le attività didattiche impegnano per poche ore, la didattica a distanza sembra un'utopia. Né la scuola né il Comune hanno disponibilità economiche per aiutare le famiglie disagiate che, purtroppo, sono sprovviste di strumenti tecnologici di ultima generazione necessari per la didattica virtuale. E siccome si parla di didattica inclusiva, tutti devono avere la stessa opportunità di accedere alle lezioni. 

Gli studenti boschesi sono stanchi, le lezioni e le attività didattiche, se ci sono è solo grazie ad alcuni docenti che lavorano costantemente, interessandosi innanzitutto dello stato d'animo dei loro ragazzi. Gli alunni dell'Istituto Comprensivo Cangemi, su invito della professoressa Raffaella Nives Amato, hanno preso parte ad un flash mob poetico e virtuale indetto dall’Associazione Parole O_Stili, intitolato #Ringraziarevoglio. 

I ragazzi su una lavagna virtuale hanno lasciato dei versi nei quali ringraziano la vita per i doni ricevuti. I versi andranno ad aggiungersi al testo "Altra poesia dei doni" di J. L. Borges.

Intanto, se la didattica ha una battuta d'arresto e si limita solo all’assegno a casa per non frenare il programma, la catena di solidarietà boschese si allarga. 

"Porgo il mio grazie, anche da parte di chi ha ricevuto sostegno, un grazie di vero cuore per tutto. In 5 giorni abbiamo aiutato 143 Famiglie". Don Emilio Ventre, il parroco della chiesa 

Sant' Anna a Pellegrini, ringrazia la comunità via social ed invita a donare ancora. 

Grande successo sta riscuotendo l'iniziativa Spesa Solidale. Diverse le associazioni artefici di questa iniziativa, dal gruppo Facebook "Sei di Boscoreale se puoi parlare..." al Collettivo "La Stazione". Senza dimenticare le parrocchie e chi la beneficenza la fa in silenzio. Gli aiuti in questo tempo di difficoltà ed emergenza sono necessari, anche perché per la distribuzione dei buoni spesa bisognerà attendere nella migliore delle ipotesi, almeno un'altra settimana e non si conosce ancora l’importo destinato alle famiglie.

 


Per ricevere le notizie direttamente su WhatsApp, memorizza il numero 327 982 50 60 e invia il messaggio "START" per procedere

02-04-2020 19:20:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA