DOMENICA 27 NOVEMBRE 2022




Il fatto

Bracconieri sparano ad una Poiana, curata torna a volare

Ferita a Massa Lubrense, ha ritrovato la libertà

di Redazione
Bracconieri sparano ad una Poiana, curata torna a volare

Ferita da bracconieri torna a volare  E’ quanto accaduto alla sfortunata Poiana impallinata nella frazione di Torca, a Massa Lubrense e recuperata dai volontari del WWF Terre del Tirreno.

Dopo una lunga degenza al Centro Recupero Fauna Selvatica il Frullone di Napoli, per un complesso intervento chirurgico ad un’ala e la successiva riabilitazione, è finalmente tornata libera, nei pressi del “Pino Sentinella” sulla via Meta Amalfi alle falde del Monte Vicalvano, nella speranza che voli alta e lontana dalle doppiette di sparatori senza scrupoli!

“Il fenomeno della caccia senza regole è duro a morire - racconta Claudio d’Esposito presidente del WWF Terre del Tirreno - la poiana ha un’apertura alare di quasi un metro e mezzo e non si può confondere con nessuna altra specie cacciabile, chi l’ha sparata l’ha fatto deliberatamente! Purtroppo quotidianamente di uccelli ne vengono sparati e catturati a decine, con gabbie trappola e reti, per alimentare le richieste di appassionati e collezionisti del mercato illegale. E’ il fenomeno diffuso dell’uccellagione.

Molti uccelli non ce la fanno a sopravvivere allo stress e all’agonia delle famigerati reti in nylon da posta utilizzate per la cattura. E quando il bracconiere arriva a “tirar giù” le prede spesso trova solo cadaveri… morti dopo una lenta agonia nel tentativo di liberarsi. Ma poco importa, c’è sempre il mercato parallelo di prede da cucinare o, nel caso di esemplari rari (rapaci notturni, rigogoli, gheppi, sparvieri, ecc.), da imbalsamare e rivendere a collezionisti sul mercato clandestino.

Le reti da posta sono uno strumento anacronistico e non selettivo di cattura e, per questo, vietate dalla legge! In quanto ai volatili sopravvissuti non andrà di certo meglio: ad attenderli ci sarà una vita in anguste gabbiette, per allietare con il loro canto i propri carcerieri o per essere usati come richiamo per attirare in trappola altri uccelli.”


Per ricevere le notizie direttamente su WhatsApp, memorizza il numero 327 982 50 60 e invia il messaggio "START" per procedere

07-11-2022 22:47:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA